Italpress

Bonetti “4,6 mld per asili nido e impegno contro denatalità”

Condividi

ROMA (ITALPRESS) – L’investimento per gli asili nido “dovrebbe essere di circa 4,6 miliardi come capitolo di spesa. E’ una cifra che deve essere rivista nella versione definitiva”. Lo ha detto Elena Bonetti, ministro per le Pari opportunità e la Famiglia, in audizione alla Commissione parlamentare per l’infanzia e l’adolescenza sul Piano nazionale di ripresa e resilienza.
“Questa azione – ha proseguito – si integra con il quadro di finanziamento per gli asili nido già approvato ed esistente presso il ministero dell’Interno che prevede un utilizzo con una cabina di regia presieduta dal dipartimento per le politiche della famiglia. Sono investimenti di 2,5 miliardi approvati nella legge di bilancio 2020 che comprendono costruzione e riqualificazione per asili nido, scuole dell’infanzia, centri polifunzionali di servizio alla famiglia, servizi innovativi di carattere educativo”. “Il governo ha ben chiaro e si assume l’obiettivo – ha poi aggiunto – di porre la sfida di un’inversione di calo demografico e denatalità come uno degli assi strategici e, quindi, di riforma complessiva. Il Family act è una riforma sistemica che vuole rispondere a questo. Certamente l’assegno unico universale – ha affermato – è un passo importante, sono consapevole che sia uno strumento innovativo e storico ma certamente non è sufficiente” e, per Bonetti, dovrà essere “integrato dalla riforma”.
(ITALPRESS).

(Visited 7 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago