Politica

Bolsonaro presenta una legge per estrarre petrolio e gas nelle riserve indigene protette

Condividi

Il Presidente Bolsonaro ha presentato una proposta di legge che consente l’estrazione nei territori indigeni protetti. Il progetto ora dovrà essere approvato al Congresso.

Il Presidente brasiliano Jair Bolsonaro ha svelato un progetto di legge che permette l’estrazione mineraria nelle riserve indigene protette, portando avanti le promesse fatte in campagna elettorale fortemente criticate dai leader tribali e dagli ambientalisti.

Brasile, gli indigeni denunciano “un genocidio” nella Foresta amazzonica

Il progetto di legge include anche l’estrazione di gas, petrolio e la costruzione di centrali idroelettriche, prima volta nelle riserve indigene, e verrà inviato al Congresso brasiliano questa settimana. La costituzione brasiliana non esclude l’estrazione mineraria nelle riserve ma non la consente perché non esiste una regolamentazione precisa.

Brasile, la centrale idroelettrica che mette a rischio un’intera valle

Il presidente ha definito la proposta “un grande passo avanti, che subirà le pressioni degli ambientalisti”. Bolsonaro ha più volte accusato gli indigeni brasiliani di aver troppa terra a disposizione, circa il 13% del paese, e di ostacolare lo sviluppo economico di quei territori. Ma la maggior parte delle 300 tribù indigene si oppone all’estrazione nelle riserve, sostenendo che il commercio di minerali possa mettere a rischio le loro comunità e la loro cultura, già minacciate dall’invasione illegale di minatori e taglialegna.

Gli ambientalisti considerano gli indigeni i “guardiani della foresta tropicale brasiliana” e temono che questa legge possa accelerare la deforestazione. La proposta di legge prevede comunque una consultazione degli indigeni e necessita dell’approvazione del Congresso per ogni nuovo progetto di estrazione o di costruzione. Tuttavia, il governo sostiene che le comunità indigene non avranno il diritto di veto una volta che il progetto è stato autorizzato dal Congresso.

Brasile, la Vale sotto accusa: sapeva dei rischi prima del crollo della diga VIDEO

Bolsonaro inoltre intende permettere un’agricoltura su larga scala nella foresta tropicale, di cui parte è stata trasformata in una piantagione di soia nonostante le leggi ambientali.

(Visited 89 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago