Promosso da Italian Exhibition Group/Ecomondo e dall’Università di Bologna, la Scuola formerà i manger delle aziende italiane con l’obiettivo di traghettare le compagnie verso uno sviluppo sostenibile. 

Cambiano i tempi e anche i mestieri. Così a Bologna nasce la prima Scuola di Alta Formazione per la Transizione Ecologica d’Italia, pensata per chiunque ricopra un ruolo all’interno delle aziende e che dovrà traghettare le stesse verso l’era della transizione ecologica.

E dunque, manager di aziende dei settori sostenibilità, energia o waste ma anche direttori dei reparti qualità e risorse umane delle grandi e piccole imprese italiane dal 26 novembre seguiranno corsi di alta formazione che mirano a fissare le competenze utili a traghettare l’industria verso uno sviluppo sostenibile secondo i target fissati da Unione Europea e Nazioni Unite.

Parte ‘RiGenerazione Scuola’, il Piano per la transizione ecologica e culturale delle scuole

La Scuola di Alta Formazione per la Transizione Ecologica è un progetto formativo promosso da Italian Exhibition Group/Ecomondo e dalla Alma Mater StudiorumUniversità di Bologna, in collaborazione con il Gruppo ReteAmbiente, e avrà come obiettivo la diffusione e la valorizzazione della cultura della sostenibilità a livello manageriale nelle principali industrie del paese.

Le lezioni riguarderanno diverse materie, tra le quali Principi e regole dell’economia circolare in chiave di transizione ecologica, Gestione dei rifiuti e sistemi di responsabilità estesa del produttore (EPR), Modelli organizzativi e formule di integrazione per una transizione ecologica, fino a Incentivi, agevolazioni e strumenti di controllo.

Clima, Draghi: “la transizione ecologica non distrugge i posti di lavoro ma amplia l’occupazione”

“Negli ultimi anni – afferma il Rettore dell’Università di Bologna Francesco Ubertinil´economia circolare e la transizione ecologica sono state al centro di numerosi progetti nazionali ed internazionali, in stretta collaborazione con le imprese. Anche riguardo all´offerta didattica, questi temi caratterizzano sempre più i nostri corsi, con un approccio che coniuga interdisciplinarità ed innovazione. Per questo ci fa molto piacere attivare questa Scuola di Alta Formazione, in collaborazione con IEG ed altri soggetti istituzionali ed imprenditoriali, con i quali abbiamo una consolidata interazione, in particolare grazie all´esperienza di Ecomondo”.

La Scuola di Alta Formazione per la Transizione Ecologica, fanno sapere dall’ateneo bolognese,  è inserita in un progetto, avviato circa un anno fa da Unibo, per dare risposta alle numerose richieste di formazione continua raccolte dalle aziende, che prevede la possibilità di co-progettare e realizzare corsi singoli o percorsi formativi più strutturati, definiti in maniera sartoriale sulle necessità delle imprese, in particolare quelle di dimensioni medio-grandi.

Articolo precedenteLazio, al via il tour Comunità Energetiche Rinnovabili. Si parte da Latina
Articolo successivo“La Cop26 a Km zero”, ultima puntata del programma ideato da Ecofuturo e TeleAmbiente