Territorio

Bologna, un’altra città italiana dichiara lo stato di emergenza climatica.

Condividi

Un’altra città italiana dichiara lo stato di emergenza climatica: dopo Torino, Milano, Roma e Bari, e altri comuni più piccoli, si aggiunge anche Bologna, andando incontro alle richieste avanzate dal movimento Extinction Rebellion.

Oggi è una giornata storica per Bologna: non è stata approvata una, ma ben due dichiarazioni di emergenza climatica ed ecologica – con la complessità e le ambiguità che questo comporta”, scrivono sulla pagina Facebook gli attivisti del movimento Extinction Rebellion di Bologna.

Vogliamo anche ricordare che dichiarare un’emergenza porta con sé il peso e la responsabilità di prendere delle decisioni scomode. Queste chiediamo vengano affrontate rispettando i principi di giustizia climatica ed ecologica, perché non siano le fasce più vulnerabili della società a pagare”, afferma il gruppo di attivisti per il clima e contro l’estinzione umana ormai noto nel mondo e che si sta facendo lentamente conoscere anche in Italia. Anche loro hanno preso parte, assieme al movimento Fridays For Future, al terzo sciopero mondiale per il clima.

Extinction Rebellion, ecco chi sono gli ambientalisti che stanno bloccando Londra

L’ordine del giorno del consiglio comunale bolognese è stato approvato da Pd, Città comune, Coalizione civica, M5s, misto e Insieme Bologna e ricalca il documento proposto dal movimento: come hanno spiegato Emily Clancy e Federico Martelloni di Coalizione civica, c’è stato un lavoro affinché il Consiglio “assumesse unitariamente e integralmente la dichiarazione”.

Roma dichiara lo Stato di Emergenza Climatica e Ambientale

Radicali gli obiettivi messi nero su bianco nella mozione approvata: impegno a dire la verità sui numeri; obiettivo zero emissioni nel 2025, con l’obiettivo intermedio di ridurre del 50% entro il 2025; disincentivi per le aziende che non si adeguano agli obiettivi di riduzione dei gas serra; introduzione di una road map da produrre entro 100 giorni con le misure da intraprendere; azioni di vero e proprio rimboschimento e non semplice tutela del verde; messa in discussione di un paradigma di crescita e sviluppo indiscriminati e ormai incompatibili con la sostenibilità; costituzione di Assemblee Cittadine, strumento chiave per ripensare una politica diversa.

Milano dichiara l’emergenza climatica: in Italia è la prima tra le grandi città a farlo

Dal 7 al 13 ottobre, a partire dalle città della Nuova Zelanda e dell’Australia, una a una molte capitali saranno invase dai Ribelli, che metteranno in atto azioni di disobbedienza civile nonviolenta: Wellington, Sidney, Varsavia, Berlino, Vienna, Parigi, Londra, Madrid, Montreal, New York, Città del Messico e anche Roma.

Una ribellione internazionale per chiedere che si dica la verità sulla crisi climatica ed ecologica, che si prendano misure immediate per azzerare le emissioni entro il 2025, che vengano convocate Assemblee di Cittadini con potere deliberativo.

EVENTO RIBELLIONE INTERNAZIONALE – ROMA

Emergenza climatica, in futuro a rischio i diritti umani

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago