Approvato con larga maggioranza, il decreto dovrà passare al Senato per il via libera definitivo

La Camera dei deputati ha approvato – con 422 voti favorevoli, 54 contrari e 1 astenuto – il decreto legge contenente “misure urgenti per il contenimento dei costi dell’energia elettrica e del gas naturale, per lo sviluppo delle energie rinnovabili e per il rilancio delle politiche industriali”. 

Il testo ora dovrà passare al Senato per il via libera definitivo. L’entrata in vigore delle nuove regole è prevista entro maggio. 

Cosa prevede il decreto legge sull’energia

Il nuovo decreto da poco passato alla Camera mette sul piatto 5 miliardi e mezzo di euro per tagliare le bollette di luce e gas utilizzando la stessa formula usata nel decreto precedente attraverso gli extraprofitti.

Ma la nuova norma – che entrerà in vigore dopo l’ok del Senato – prevede novità importanti anche sul fronte delle rinnovabili. 

Superbonus, Assoclima: “Spostare scadenze a fine anno”. Alternativa: “La mini-proroga un insulto all’Italia”

Con l’obiettivo di ridurre la dipendenza energetica dalla Russia si è deciso di dare una spinta alle fonti di energia rinnovabili attraverso una semplificazione della procedura per l’installazione degli impianti fotovoltaici e termici sugli edifici privati.

La novità è importante perché da oggi in avanti, lì dove non sussistono vincoli ambientali o culturali, i lavori relativi alla messa in opera degli impianti per l’energia solare saranno considerati “interventi di manutenzione ordinaria” e non sarà dunque necessario richiedere permessi e autorizzazioni particolari come invece avviene oggi.

Occhio agli sprechi negli uffici pubblici

Il decreto, dal valore totale di 8 miliardi di euro, va a colpire anche gli spreconi dei condizionatori d’aria andando a rivedere le temperature massime consentite d’estate e d’inverno per climatizzatori e termosifoni. 

La regola, però, per il momento ha valore soltanto negli uffici pubblici (tranne ospedali, case di cura e cliniche). Per quanto riguarda gli edifici privati nulla cambia.

Le nuove regole prevedono che a partire da maggio 2022 e fino al 31 marzo 2023, la temperatura media degli edifici pubblici e degli uffici non dovrà scendere al di sotto dei 27°C – questo per impedire un eccessivo spreco di corrente elettrica.

Nei mesi invernali, invece, la temperatura non potrà superare i 19°C. Ma in entrambi i casi è prevista una tolleranza di due gradi centigradi.

Nuova base militare in un parco protetto (coi soldi del Pnrr), il piano del governo che fa discutere

Articolo precedenteMobilità sostenibile, dal Pnrr 300 milioni per gli autobus elettrici
Articolo successivoLa truffa del finto latte biologico, un’azienda del viterbese spacciava latte estero per bio made in Italy