Attualità

ROMA, BLOCCO DEL TRAFFICO. FERMI I VEICOLI PIÙ INQUINANTI. TUTTE LE INFORMAZIONI

Condividi

Blocco del traffico RomaSi ferma il traffico domenica 28 e lunedì 29 gennaio a Roma. Dalle ore 7.30 fino alle ore 20.30 la circolazione sarà bloccata per tutti i veicoli che provocano maggiore inquinamento nel perimetro della fascia verde della Capitale.

Un provvedimento che si è ritenuto “necessario” per il Campidoglio, dato il superamento dei valori limite previsti dalla legge per l’inquinamento da polveri sottili e sulla base delle valutazioni previsionali disponibili per i prossimi giorni“. Dati che confermano definitivamente l’allarme smog dato da Arpa Lazio nei giorni scorsi, che aveva preannunciato livelli di inquinamento decisamente oltre il limite previsto dalle normative.

A restare fermi per il weekend saranno quindi ciclomotori e motoveicoli PRE EURO 1 ed EURO 1, insieme alle macchine alimentate a benzina e diesel PRE-EURO 1, EURO 1 ed EURO 2.

Sempre i ciclomotori e i motoveicoli PRE EURO 1 ed EURO 1 resteranno bloccati anche lunedì, così come gli autoveicoli a benzina EURO 2. Il divieto di circolazione rimane per le categorie di veicoli che già nei giorni feriali non possono circolare, quali autoveicoli a benzina PRE EURO 1 ed EURO 1 e quelli alimentati a gasolio PRE EURO 1, EURO 1 ed EURO 2.

Ma il freno non riguarda solo la circolazione su strada. Anche gli impianti termici saranno costretti a rispettare gli obblighi anti inquinamento, mantenendo per tutto il weekend una temperatura dell’aria negli ambienti interni che non supera i 17°C e 18°C a seconda delle caratteristiche della struttura.

(Visited 2.608 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago