Cultura

BLACK FRIDAY, ISTRUZIONI PER L’USO

Condividi

Black Friday, istruzioni per l’uso.  Nato negli Stati Uniti,  letteralmente “venerdì  nero”, è quel giorno in cui i siti e-commerce offrono sconti e promozioni che superano il 50%.

Una sorta di pre saldi che non cade mai lo stesso venerdì di ogni anno, in quanto coincide con il giorno seguente alla festa del Ringraziamento.

Ma perché chiamarlo proprio “Black Friday”?

Due le tesi all’origine.

Secondo una tesi, un tempo i registri contabili dei negozianti si compilavano a penna, usando inchiostro rosso per i conti in perdita e quello nero per i conti in attivo. E nel venerdì dopo il ringraziamento, grazie a queste promozioni, i conti finivano decisamente in nero.

Secondo un’altra tesi, il “nero” verrebbe dal traffico sulle strade e dalla congestione nei negozi, causato dai migliaia di americani attirati da sconti – validi soltanto quel giorno – anche dell’80 per cento.

Questa seconda tesi nasce nel 1961 quando a Philadelphia il venerdì dopo il Ringraziamento fu davvero trafficato.

Ma nel belpaese, il Black Friday ha iniziato a farsi largo solo negli ultimi anni.

Inizialmente, a sfruttare “l’occasione” sono stati siti come Amazon che proponevano sconti e offerte a tempo limitato.

Tutt’ora a cavalcare l’onda del fenomeno sono solo i negozi on line, insieme ad alcune grandi catene che fanno anche e-commerce, come MediaWorld, Ikea, Feltrinelli, Game Stop e Sephora.

Amazon

Per il venerdì nero, Amazon anticipa l’offerta di un televisore full Hd da 43 pollici e un seggiolino per i bambini in auto.

Fino al 31 dicembre inoltre, sarà disponibile per i nuovi clienti Amazon Music Unlimited, al costo complessivo di 99 centesimi per 3 mesi.

E per “festeggiare” il 24 novembre, Amazon lancia anche le “Offerte Pazze”: prodotti pensati come regali originali.

 

Ikea

Se quello che cerchi sono mobili e oggetti per la casa, Ikea propone degli scontri per i tre “Black Days” (dal 24 al 26 novembre).

In offerta più di 150 prodotti e fino al 19 novembre si potrà partecipare a un sondaggio per far sì che tra questi prodotti ci siano quelli che vi interessano.

 

GameStop

Nel famoso negozio di videogiochi, gli sconti andranno avanti dalle 10 del 24 novembre alle 18 del 28, sia nel negozio online che nei punti vendita fisici.

Offerte però, riservate a chi ha la carta GameStop+.

 

Feltrinelli
Una “Black Week”, è quella che propone la Feltrinelli.

Sul sito possiamo trovare  sconti fino al 30 per cento su moltissimi prodotti (su una spesa minima di 29 euro), 30 per cento di sconto su DVD, CD e vinili fino a mercoledì 22 novembre nei negozi fisici.

 

MediaWorld, Comet, Unieuro, Euronics

MediaWorld e Comet offriranno sconti sia sui suoi negozi online che in quelli fisici fino al 27 novembre.

Unieuro proporrà degli sconti specifici, ma solo per gli acquisti online.

Per Euronics invece, il Black Friday durerà dal 25 al 27 novembre.

 

Ryanair, Groupon ed eDreams

Offerte anche nel settore viaggi e vacanze.

Soggiorni in saldo sono già disponibili sul sito di Groupon, mentre nel giorno del Black Friday potrete approfittare degli sconti su voli aerei di eDreams.

Ryanair invece offre sconti diversi ogni giorno sui suoi voli. Oggi, ad esempio, sono disponibili una serie di voli per gennaio 2018 a 4,99 euro.

 

ePrice

Il Black Friday offre anche moltissime occasioni sugli elettrodomestici.

Fino al 23 novembre, ePrice permette a un ristrettissimo numero di clienti di acquistare 60 prodotti (tra cui televisori e console di gioco) a 99 centesimi per un’ora al giorno (ribattezzata “Black Hour”).

 

C’è poi, il cosiddetto “Cyber Monday”.

Un’altra giornata di saldi, che viene il lunedì dopo il Black Friday e che quest’anno sarà il 27 novembre.

Come il Black Friday, all’inizio riguardava solo i siti di e-commerce, mentre ora vi aderiscono anche negozi fisici, almeno negli Stati Uniti.

(Visited 140 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago