Roma

Bioparco Roma, è nata Prisca, cammello della Battriana VIDEO

Condividi

Al Bioparco di Roma è nata una femmina di cammello della Battriana (Camelus bactrianus); i guardiani del reparto erbivori hanno deciso di chiamarla Prisca.

Il cucciolo è nato lo scorso 12 giugno e sta bene. I genitori si chiamano Pasqualina e Ronny, la mamma è nata al Bioparco nel marzo 2016 e il papà ha nove anni e proviene da ZoomTorino. Oltre alla nuova famiglia, nell’area dei cammelli ci sono altre due femmine, Enza di otto anni e la figlia Rebecca, nata a marzo scorso al Bioparco.

Bioparco Roma, arriva l’orso-gatto Arabella che profuma di popcorn VIDEO

Il cammello della Battriana vive unicamente nel deserto del Gobi, un ambiente molto arido, dove le temperature oscillano dai – 29°C in inverno ai + 38°C in estate. Di conseguenza, il cammello ha sviluppato molti adattamenti come le folte sopracciglia e le narici, chiudibili ermeticamente, che lo proteggono dalle tempeste di sabbia; la folta e calda pelliccia durante l’inverno che viene persa in estate. Inoltre, resiste anche molti giorni senza bere e ha sviluppato la capacità, unica tra i mammiferi, di bere acqua salmastra.

Bioparco e Carabinieri Forestali di nuovo insieme contro i reati ambientali

Una falsa credenza vuole che nelle gobbe ci sia acqua, in realtà sono riserve di grasso che permettono di resistere anche per lunghi periodi senza cibo. Quando il cibo scarseggia, il grasso contenuto nelle gobbe viene metabolizzato e trasformato in riserva di energia e acqua.

Plastica, “Vita sott’acqua”. Il Carnevale al Bioparco di Roma

Le principali minacce per questo animale sono: degradazione e perdita dell’habitat, caccia per la carne e la pelle, competizione con il bestiame domestico, competizione e ibridazione con i cammelli domestici.

(Visited 276 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago