Roma

Bioparco Roma a rischio chiusura, finanziamenti non erogati e cali di visite. Ma dal Campidoglio: “Tutto si sistemerà”

Condividi

Roma. Allarme chiusura Bioparco. Roma Capitale non ha erogato i finanziamenti previsti per il 2018-2019. Mancano tre milioni di euro nelle casse, inoltre perdite di entrate dovute al calo di visite, causa maltempo. Il presiedente Petretti scrive al Campidoglio: la struttura potrebbe chiudere. Dal Campidoglio  fanno sapere che tutto si sistemerà. E dal Municipio II: “il Bioparco va salvato assolutamente”.

Tre milioni di euro è l’ammontare dei finanziamenti arretrati – relativi agli anni 2018-2019 –  che il Bioparco di Roma non ha ricevuto da Roma Capitale.  Nei giorni scorsi il presidente della Fondazione Bioparco, Francesco Petretti, ha scritto una lettera al sindaco di Roma Virgina Raggi, al city manager Franco Giampaoletti e al capo di Gabinetto Stefano Castiglione. “Non nascondo che, in assenza della ripresa dell’ordinaria corresponsione dei contributi da parte di Roma Capitale si possano persino prevedere la chiusura della struttura e le dimissioni contestuali di tutti gli organi di gestione”.

Bioparco Roma, arriva l’orso-gatto Arabella che profuma di popcorn. VIDEO

IL MALTEMPO
La sofferenza del bilancio, data dalla mancata erogazione dei finanziamenti, è stata aggravata da una drastica riduzione delle visite. Il maltempo, che sta interessando le ultime settimane, disincentivando le visite, ha fatto registrare delle ingenti perdite. “Abbiamo perso il 90 per cento, se le condizioni atmosferiche non miglioreranno, sarà difficile recuperare. Nel weekend facciamo 6.000 anche 7.000 ticket, adesso siamo sui 500-600. Un colpo duro, dovuto soprattutto al maltempo”.

Roma, rondini in pericolo causa maltempo. Trovate morte o in difficoltà

Bioparco e Carabinieri Forestali di nuovo insieme contro i reati ambientali

RISPOSTA DEL CAMPIDOGLIO
Il Campidoglio però ha fatto sapere che tutto si sistemerà. “C’è la buona volontà di trovare una soluzione, forse già entro la fine di maggio“. Di fatto non è venuto meno il rischio chiusura, tuttavia, come ha spiegato il presidente Petretti: “Abbiamo saputo che entro fine mese dovrebbero saldarci il 2018, questo significa che il Cda potrà approvare il bilancio: evidentemente c’è stato un passaggio errato di carattere amministrativo”.

CHIUSURA DEL BILANCIO
E proprio l’impossibilità di chiudere il bilancio, dovuta alla mancanza dei fondi e all’incertezza finanziaria, è stata la molla che ha fatto scattare la missiva del presidente Petretti. Dopo la risposta del Campidoglio, il presidente ha fatto sapere che: “Non c’è stata rottura con l’amministrazione, anzi il Comune è un ottimo interlocutore  e riconosce il valore del Bioparco. Chiuderlo sarebbe una grande sciocchezza”.

Cuccioli di leone in condizioni disperate scoperti in un centro di riproduzione FOTO

Circo, niente più animali nel Regno Unito. E in Italia?

APPELLO DEL II MUNICIPIO
Appello del presidente del II Municipio, Francesca Del Bello, che intervenendo sulla questione ha sottolineato: “il Bioparco va salvato assolutamente. Penso a iniziative come i centri estivi, al valore educativo e naturale di questa struttura. È un parco a tutti gli effetti, faccio appello al Comune affinché non venga chiuso: è una meraviglia del nostro territorio”.

(Visited 41 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago