In questo numero del Tg Ambiente, realizzato in collaborazione con Italpress: 1) Bioeconomia, nel 2021 valore di produzione di 364 miliardi; 2) Per 7 italiani su 10 la transizione non è rinviabile; 3) Nel 2021 ogni italiano ha differenziato oltre 60 kg di carta e cartone; 4) Ocean Cleanup prova a ripulire il fiume più inquinato del pianeta

 

In questo numero del Tg Ambiente, realizzato in collaborazione con Italpress:

1) Bioeconomia, nel 2021 valore di produzione di 364 miliardi: In Francia, Germania, Italia e Spagna, la bioeconomia ha generato nel 2021 un valore di produzione di 1.500 miliardi, occupando oltre 7 milioni di persone. È quanto emerge dall’VIII Rapporto ‘La bioeconomia in Europa’, redatto dalla Direzione Studi e Ricerche di Intesa San Paolo in collaborazione con il Cluster SPRING e Assobiotech Federchimica.

Disko Bay -Photography and Paintings, la mostra a Roma sul surriscaldamento globale

2) Per 7 italiani su 10 la transizione non è rinviabile: Più di 7 italiani su 10, il 74%, ritengono che la transizione green verso prodotti e metodi di produzione sostenibili sia diventata urgente e circa la metà degli italiani, il 44%, la considera giusta anche se non applicabile a tutti i settori. Segue il 12% di chi la ritiene pericolosa, perché metterebbe a rischio molte imprese, e il 6% di chi ritiene che le imprese debbano essere libere di fare le proprie scelte. È quanto emerge dal report ‘FragilItalia’ elaborato dall’Area Studi Legacoop e Ipsos, secondo il quale 6 italiani su 10 (57%) non accettano il “ricatto del lavoro”, ovvero che la possibile perdita di occupazione, determinata dai costi per la riduzione dell’impatto ambientale dei processi produttivi, sia una motivazione per rinviarla. Quanto ai costi dei prodotti quasi 6 italiani su 10 ritengono giusto che i prodotti green ed ecosostenibili abbiano un prezzo più alto, per consentire alle imprese di coprire i maggiori costi di produzione; di parere opposto il 42%. Aumento che per il 10% degli italiani dovrebbe essere sostenuto dai consumatori, per il 47% ritiene che dovrebbe essere sostenuto dalle imprese, mentre per il 43% dovrebbe essere sostenuto dallo Stato.

Anche nel Mediterraneo arriva la Salpa Fusiformis, animale amico dell’ambiente

3) Nel 2021 ogni italiano ha differenziato oltre 60 kg di carta e cartone: L’Italia è campione d’Europa della Sostenibilità. A stabilirlo è il 27° Rapporto annuale sulla raccolta differenziata e riciclo di carta e cartone, presentato a Messina da COMIECO. Nel 2021 oltre 6,3 milioni di tonnellate di materiali cellulosici sono stati raccolti dai comuni. L’Emilia Romagna si conferma al primo posto con 88,4 kg raccolti da ciascun cittadino, subito dopo Toscana e Valle d’Aosta.

Ocean Cleanup, arrivano le navi robot per ripulire fiumi e oceani dalla plastica

4) Ocean Cleanup prova a ripulire il fiume più inquinato del pianeta: Dalla Malesia all’Indonesia, le imbarcazioni di Ocean Cleanup provano a ripulire i mari ed i fiumi più inquinati al mondo. Ogni anno infatti, milioni di tonnellate di plastica entrano negli oceani, la maggior parte dei quali fuoriesce dai fiumi. Buona parte di questa plastica viaggia verso gli appezzamenti di rifiuti oceanici, rimanendo intrappolata in un vortice di correnti circolanti. Da oltre anni, Ocean Cleanup lavora allo sviluppo di un progetto Interceptor in quello che ritengono sia il fiume più inquinante del nostro pianeta. Il bacino del Rio Motagua in Guatemala che ogni anno subisce tsunami spazzatura, che devastano l’ambiente. Un progetto molto differente dalle altre navi robot. Si tratta di una vera e propria recinzione che ha l’obiettivo di bloccare i rifiuti, visti gli ingenti volumi che ogni anno riempiono il bacino del Rio Motagua. La barriera, però, è ancora in fase di sperimentazione. Dai test effettuati è emerso che vanno migliorate alcune caratteristiche, come le dimensioni della maglia e l’altezza della recinzione.

Articolo precedenteGroenlandia, i ghiacciai perdono sei miliardi di tonnellate d’acqua al giorno
Articolo successivoIl Papa invita i giovani a mangiare meno carne: “Fa male all’ambiente”