AnimaliAttualità

Biodiversità, spiaggia viene invasa da invertebrati simili al pesce-pene

Condividi

Una tempesta sulla Louth Bay ha fatto emergere dalla sabbia un gran numero di Sipuncula, invertebrato che ricorda il fenomeno del momento, il “pesce-pene”.

La presentatrice radio Emma Pedler stava passeggiando con il suo cane a Louth Bay in Australia la scorsa settimana quando ha visto qualcosa di insolito tra le alghe. Avvicinandosi alle alghe ha visto dei vermi grandi più di venti centimetri. “Il cane non li aveva visti per fortuna, sono contenta di non averlo dovuto rincorrere per tutta la spiaggia con una di questi in bocca, erano grandi quanto il mio avambraccio”.

Emma ha ammesso di aver riso dopo averli trovati ma si è detta ancora più sorpresa nel vedere delle creature simile sulle spiagge della California del Nord. In quel caso, una tempesta sulla Drakes Beach nel nord di San Francisco ha dissotterrato un gran numero di questi vermi dalle buche nella sabbia. La creatura apparsa a San Francisco si chiama Urechis caupo ma è stata ribattezzata “pesce-pene” per via della sua forma fallica.

Informazione alla deriva? No a “pesce-pene”

Shirley Sorokin, esperta di invertebrati marini al SA Museum ha spiegato che nonostante le creature su entrambe le spiagge appaiano simili, in realtà sono molto diverse. Quelle trovate a Louth Bay sarebbero più probabilmente appartenenti alla specie invertebrata conosciuta come Sipuncula che ai “pesci-pene”. “Sembrano simili e quanto avvenuto in California è straordinario. La specie più piccola dei Sipuncula spesso viene chiamata “vermi delle arachidi” ma questa è una specie più grande. Questa dovrebbe appartenere alla specie Sipunculus robustus, della quale abbiamo alcune specie nella nostra collezione”.

Barriera corallina addio. Senza biodiversità danni per 145mila miliardi l’anno

Sorokin ha spiegato che entrambi sono invertebrati simili ai vermi che vivono sotto la sabbia o nel fango. Sono famosi per uscire fuori dal sabbia dopo le tempeste in Australia Meridionale e si nutrono di una varietà di cibo nel fango tra cui le alghe. “Quella forma di reticolato che potete vedere all’esterno è il muscolo che si contrae per permettergli di muoversi nella sabbia. Ci sono più di 300 tipi diversi in tutto il mondo e possono andare da una lunghezza di pochi millimetri fino a mezzo metro”.

 

(Visited 43 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago