AttualitàClima

Bill Gates ospite a Che Tempo che fa: “La pandemia è come il clima. I nostri Governi non ci hanno preparati”

Condividi

“La Pandemia è come il clima. I nostri Governi non ci hanno preparati. Non hanno guardato avanti, non hanno fatto le cose che avrebbero fatto si che la Pandemia potesse essere un evento di importanza secondaria. È difficile fare la stessa cosa con il clima”. Bill Gates ospite al programma di Fabio Fazio “Che Tempo che fa”.

Questa sera nel programma di Fabio Fazio “Che tempo che fa” ospite Bill Gates, il fondatore della società specializzata in software più famosa al mondo, Microsoft, a pochi giorni dall’uscita del suo libro “Clima. Come evitare un disastro – Le soluzioni di oggi, le sfide di domani”, pubblicato in Italia da «La nave di Teseo» e in uscita in contemporanea mondiale il 16 febbraio in oltre 35 Paesi. 

‘Clima: come evitare un disastro”, il nuovo libro di Bill Gates

La Pandemia è proprio come il clima, nel senso che i nostri Governi non ci hanno preparati, non hanno guardato avanti, e non hanno fatto le cose che avrebbero fatto sì che la pandemia potesse essere un evento di importanza secondaria – afferma Bill GatesÈ molto difficile far la stessa cosa con il clima, perchè gli effetti peggiorano nel tempo e gli effetti più terribili si avranno tra qualche decennio e chi soffre di più è chi vive nei paesi poveri.

“Con il clima non serve semplicemente una soluzione che è il vaccino della Pandemia, abbiamo bisogno di molte scoperte che riguardano tutta l’economia.– continua Bill Gates –  Adesso siamo più istruiti, abbiamo più tempo libero. Non credo che di fatti ci siano effetti negativi. Certo ci sono effetti collaterali negativi, come nelle emissioni di Co2. Sarà difficile da gestire questa problematica. Credo però che possiamo innovare”.

“Possiamo innovare. Possiamo salvare l’intero Mondo e non semplicemente i Paesi ricchi. Adottate un approccio verde, vi prego. Non solo per i trasporti. Ci vuole molta innovazione, non abbiamo molto tempo”.

“Le emissioni continuano a salire. Se vogliamo che ci sia veramente un declino notevole dobbiamo cambiare rapidamente”.

“La maggior parte dei settori industriali si trovano decisamente più indietro rispetto a quella automobilistica, del cemento, dell’acciaio o addirittura i carburanti degli aerei. Al momento si paga di più per avere dei prodotti verdi.”

“Adesso abbiamo bisogno di batterie che possano avere un’energia tale che sia possibile avere voli a lungo raggio.”

Parlando del presidente degli Usa, Joe Biden: “Sono molto entusiasta delle cose che ha fatto, ivi comprese le precedenze che ha dato al clima.

Nel suo libro “Clima. Come evitare un disastro – Le soluzioni di oggi, le sfide di domani”,  il fondatore di Microsoft non solo spiega perché è importante azzerare le emissioni di gas serra ma espone le soluzioni che dovremmo mettere in campo per raggiungere questo obiettivo, analizzando al contempo le sfide che ci attendono.

Grazie al supporto e alla consulenza di fisici, chimici, biologi, ingegneri, esperti di scienze politiche e finanza, Bill Gates è riuscito ad individuare i passi necessari per evitare un disastro ambientale.

“Spero di poter spiegare la scienza in modo chiaro e convincente – scrive Bill Gatesproporrò anche un piano per ciò che dobbiamo fare nel prossimo decennio e oltre per costruire gli strumenti che ci aiuteranno a eliminare le emissioni di gas serra aumentando le potenti soluzioni che già abbiamo. E suggerirò alcuni passi concreti che individui, governi e aziende possono intraprendere per realizzarlo”.

(Visited 60 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago