Bike Summit 2019, Roma. Economia del cicloturismo in Italia

Bike Summit 2019. Bike Summit 2019, un’iniziativa di Isnart, Unioncamere e Legambiente con l’obiettivo di fare il punto sull’economia generata dal cicloturismo nel nostro Paese e valutare lo stato di avanzamento delle dieci ciclovie di interesse nazionale, a partire dal progetto GRAB – l’anello ciclopedonale della Capitale. Ecco i dati emersi dal primo rapporto “Cicloturismo e cicloturisti in Italia“.

C’è una crescita esponenziale di chi sceglie di trascorrere vacanze pedalando in bicicletta nel nostro paese: le presenze cicloturistiche rilevate nel 2018, nelle strutture ricettive e nelle abitazioni private, ammontano a 77,6 milioni, l’8,4% dell’intero movimento turistico in Italia, oltre 6 milioni di persone. I cicloturisti sono aumentati del 41% in cinque anni, dal 2013 al 2018. È quanto emerge dal primo rapporto “Cicloturismo e cicloturisti in Italia” realizzato da Isnart-Unioncamere e Legambiente.

Il turismo in bici oggi genera un valore economico pari a 7,6 miliardi di euro all’anno. Una cifra che porta a quasi 12 miliardi di euro il valore attuale del PIB (Prodotto Interno Bici), ovvero il giro d’affari generato dagli spostamenti a pedali in Italia, calcolando la produzione di bici e accessori, delle ciclo-vacanze e dell’insieme delle esternalità positive generate dai cittadini in bicicletta. Il dato economico non tiene conto poi degli effetti benefici dei viaggi in bici, in termini di minor inquinamento e di minore incidenza delle malattie legate alla sedentarietà. Il rapporto giudica ancora insufficiente l’intera rete organizzativa per il cicloturismo. Nel nostro paese non si pedala così tanto quanto in altre nazioni europee: sono stimate circa 440 bici ogni 1.000 abitanti, mentre nei Paesi Bassi o in Germania il rapporto è quasi di 1 a 1. Nonostante ciò, dal solo settore produttivo della bicicletta arrivano 1,3 miliardi di euro l’anno, per oltre 1,7 milioni di pezzi venduti, con un export in crescita del 15,2% (dati 2017).

https://twitter.com/Legambiente/status/1110498038173310977

Tra le principali regioni di partenza dei cicloturisti figurano diverse aree del Centro Sud (quasi un quinto dei cicloturisti dichiara di provenire dalla Campania, seguita da Lombardia e Lazio). Le principali destinazioni di soggiorno sono tutte collocate nell’area settentrionale del paese (Trentino, Veneto, Emilia-Romagna, Toscana).

Il progetto GRAB – Grande Raccordo Anulare delle Bici, realizzato da VeloLove con Legambiente Onlus, Touring Club Italiano, Free Wheels Onlus e la collaborazione volontaria di tanti professionisti, ha dato il via al Sistema nazionale delle ciclovie turistiche (SNCT) entrate finalmente a pieno titolo nella pianificazione delle infrastrutture prioritarie del Paese.  L’impegno del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti a finanziare il Grande Raccordo Anulare delle Bici capitolino ha infatti portato all’approvazione della legge 208/2015 e allo stanziamento di oltre 370 milioni di euro per 5.000 chilometri di nuovi itinerari ciclabii entro il 2024 e altri 20.000 entro il 2030.

Treno Verde 2019, 12 tappe per incentivare la mobilità sostenibile e ridurre l’inquinamento

https://twitter.com/Legambiente/status/1110498038173310977

Mobilità Sostenibile, conclusa la ‘mille miglia’ da Roma a Venezia in auto elettrica

Il Bike Summit 2019 è un’occasione imperdibile per fare il punto sullo stato di avanzamento dei progetti delle 10 ciclovie di interesse nazionale e per ragionare insieme a rappresentanti istituzionali, esperti e stakeholder dei requisiti qualitativi capaci di trasformare i nuovi itinerari per le bici in green economy e contribuire al fondamentale compito della diffusione di nuovi stili di mobilità. Partendo dall’esame di consolidate buone pratiche italiane che già oggi mostrano con chiarezza come i diversi turismi in bici rappresentino un valore aggiunto per il Paese, per il territorio e per le comunità locali.

Mobilità sostenibile, Costa: “500 milioni di euro per piste ciclabili e ciclovie”

Durante il Bike Summit  presentata la prima ricerca italiana sul PIB del cicloturismo, il Prodotto Interno Bici. Il report curato da Legambici, Isnart e Unioncamere – con la collaborazione di GRAB+ e VeloLove –  analizza il settore cicloviaggi e le altre declinazioni del settore che vanno dagli itinerari più brevi per tutta la famiglia alle escursioni più impegnative e sportive (come quelle in mountain bike e in down hill), senza trascurare le e-bike che rendono il turismo a pedali alla portata di tutte le gambe e di tutte le età.

PROGRAMMA EVENTO

(Visited 174 times, 1 visits today)

Leggi anche

Diventa Green!