AttualitàClima

Biden lancia allarme sul clima: “siamo in codice rosso”

Condividi

Il Presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, lancia un allarme ambientale a livello mondiale: “La nazione e il mondo sono in pericolo. Non è un’iperbole. Questo è un dato di fatto”.

Nel corso della visita a New York, dove è andato a visitare il Queens devastato dall’uragano Ida, Biden ha fatto appello a tutti i cittadini americani, e non solo, affinché diano ascolto agli scienziati e agli esperti che avvertono che ora siamo in “codice rosso” per le minacce del cambiamento climatico.

Fico: “il cambiamento climatico è questione urgente da affrontare. Parlamenti fondamentali”

Dobbiamo agire sul clima: siamo determinati a combattere il cambiamento climatico” – ha aggiunto il Presidente americano mettendo in evidenza come il cambiamento climatico sia una “minaccia esistenziale”.

Vaccini, appello di 1500 Ong per il rinvio della Conferenza Onu sul Clima Cop26

Rilanciando con forza la sfida sul cambiamento climatico, il presidente americano ha invitato il Congresso ad approvare la sua agenda, che include la lotta al cambiamento climatico con la creazione al tempo stesso di posti di lavoro.

“Noi siamo determinati, determinati a trovare un accordo sul clima e a raggiungere le zero emissioni entro il 2050. E dobbiamo smuovere il resto del mondo, non solo gli Stati Uniti – ha concluso il presidente Biden – Un americano su è stato colpito dalle condizioni estreme del clima”. 

(Visited 17 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago