Attualità

Bibione, prima spiaggia in Italia in cui sarà vietato fumare

Condividi

Bibione. Arriva in Italia la prima spiaggia smoke free.  Il lido al confine tra Veneto e Friuli Venezia Giulia già da qualche anno attua politiche contro il tabagismo. Da quest’estate niente più mozziconi di sigaretta in spiaggia, una delle principali fonti di inquinamento dei nostri mari.

Il divieto di fumare sulla battigia è già operativo dal 2011 ma dall’estate 2019 si estenderà a tutta la spiaggia di Bibione. Dalla prossima estate non troveremo più i fumatori lungo tutti gli otto chilometri di litorale. Verranno create delle aree attrezzate per i fumatori  realizzate con il legno di recupero degli alberi caduti durante il maltempo che ha colpito il nordest lo scorso novembre.

Plastica, isola di rifiuti scoperta nel Mar Tirreno

Pasqualino Codognotto, sindaco di San Michele al Tagliamento e Bibione, commenta l’iniziativa: “Più che introdurre un divieto ci interessa dare l’opportunità a chi sceglie di trascorrere le sue vacanze da noi di respirare l’aria pulita del mare senza dover tollerare sostanze inquinanti e pericolose per la salute“.

Dischetti di plastica ritrovati in spiaggia nel Mar Tirreno

Bagnanti e bagnini hanno accolto positivamente questo divieto, un segnale positivo di educazione ambientale e verso i corretti stili di vita, non dimentichiamo che i mozziconi di sigaretta sono dei rifiuti a bassissima biodegradabilità e le spiagge son piene.

Cotton fioc vietato dal 2019,solo biodegradibili  

 

(Visited 137 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago