Riciclo e RiusoScienza e Tecnologia

BeyondPlastic Award, premiati gli innovatori della sostenibilità

Condividi

Sono stati proclamati i vincitori dell’edizione 2020 dei BeyondPlastic Award, cerimonia che premia gli innovatori nel campo della sostenibilità e nel riciclo.

Sono stati scelti i vincitori dei BEYONDPLASTIC Awards 2020, tra tutti gli inventori che hanno proposto nuovi progetti per eliminare gli imballaggi in plastica monouso nella società, portando soluzioni innovative ed eleganti per rendere i prodotti di consumo comuni biodegradabili e a impatto zero

Il concorso, lanciato dall’inventore, imprenditore e fondatore di beyondplastic.net, Ulrich Krzyminski, presenta 4 categorie e per ogni categoria vengono premiati i primi 3 posti.

Il premio è rivolto a studenti, designer, ingegneri, creatori, inventori, artisti: chiunque abbia un’idea, un concetto, un prototipo o persino una soluzione già presente sul mercato, che riduce l’uso di plastica monouso, può partecipare “, afferma Krzyminski.

Ferrarelle, arriva sugli scaffali la bottiglia in plastica riciclata

La vincitrice della categoria “La soluzione più innovativa” è una borsa che si dissolve in acqua bollente. Jack Cleary e il team di Wastebased dal Regno Unito la chiamano The Item Bag 2.0.

L’obiettivo di Cleary è sostituire i sacchetti di plastica in polietilene e polipropilene, utilizzati per trasportare praticamente tutti gli articoli di abbigliamento del pianeta, con sacchetti che si biodegraderanno dopo essere stati scartati.

Item Bag 2.0 si dissolve semplicemente in acqua salata e calda, lasciando solo bio-inchiostro e alcuni minerali non tossici che possono essere versati nello scarico. È anche carbonio negativa che significa che il processo di produzione di Item Bag 2.0 rimuove più carbonio dall’aria di quanto non aggiunga: 100% in più, per essere precisi.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

packaging that dissolves?! 🤯 see it to believe it 👀⁠ ⁠ 👆🏼the item bag 2.0. what is it?⁠ it’s the biodegradable, non-toxic, carbon-negative storage bag that dissolves in boiling water. in seconds.⁠ ⁠ 🏷️ what can you use it for?⁠ store any item that normally goes in a transparent poly bag, minus the traditional plastic: t-shirts, collared shirts, dresses, skirts, swimwear, activewear, pants, hoodies and light outerwear.⁠ ⁠ 🔎 what is it made out of?⁠ the item bag 2.0 isn’t made from polypropylene or polyethylene, the two plastics most poly bags are made from. instead, it’s made from a modified polymer similar to the material used to coat dishwasher/laundry tablets. that means that it looks like a poly bag, feels like a poly bag, but when you put it in boiling water, you’ll see it couldn’t be any further from a poly bag.⁠ ⁠ 💦 when the bag is dissolved in boiling water, are microplastics formed?⁠ no. the resulting mixture contains mineralised biomass and non-toxic ink (the ink is soluble in alcohol, not water, that’s why it floats in the video), but not microplastics 🙌🏼⁠ ⁠ the item bag 2.0 is dropping in June 2020. pre-order and receive 10% off until the end of May! want to learn more about them? ask your questions below 👇🏼 DM us or send us an email 💌⁠ ⁠ ⁠ ⁠ ⁠ ⁠ ⁠ ⁠ ⁠ ⁠ ⁠ ⁠ ⁠ ⁠ ⁠ ⁠ ⁠ ⁠ ⁠ ⁠ #wastebased #itembag #dustbags #compostable #greenpackaging #ecopackaging #packagingessentials #thereisnoplanetB #madeorganic #inspiredbynature #sustainablepackaging #polybags #nontoxic #sustainabledesign #nomicroplastics #reducewaste #smallbusinessowners #zerowasteuk #environmentallyconscious #ecowarrior #packagingthatdissolves

Un post condiviso da w. biodegradable packaging (@wastebasedco) in data:


Wastebased produce anche buste postali compostabili per e-commerce, che sono impermeabili al 100% ma si degradano in natura dopo circa 6 mesi. Inoltre, l’azienda pianta alberi per compensare eventuali costi di carbonio delle operazioni che non possono rendere sostenibili e hanno piantato quasi 1.000 alberi in Irlanda, Scozia, Romania e Madagascar.

Corepla presenta ricerca ‘Covid-19 e riciclo della plastica: un rapporto da analizzare’

Un team brasiliano ha vinto l’argento nella categoria “Innovazione più pratica” per i suoi sforzi per ridurre la plastica nel classico tubetto di dentifricio.

Un articolo indispensabile e di uso quotidiano per tutti noi, il tubo di dentifricio in plastica ha ricevuto un rinnovamento ecologico nelle officine di Coolpaste. Coolpaste è un progetto accademico sviluppato nel 2012 da Allan Gomes dell’Università Federale del Minas Gerais, che ha scoperto che non vi sarebbe stata alcuna diminuzione nelle vendite se la scatola di cartone che circondava il tubetto di dentifricio fosse stata rimossa completamente.

Realizzato in materiale di cartone resistente non solo sostenibile, ma biodegradabile, si inserisce sugli scaffali dei negozi tramite una semplice linguetta, eliminando la carta e gli inchiostri chimici necessari per fabbricare le scatole.

Plastica, la lotta al monouso diventa arte: ecco il Museum of Plastic

La sostenibilità si estende anche al tappo, costituito da polimeri biologici derivati ​​da amido di mais, radici di tapioca e canna da zucchero.

Il premio BEYONDPLASTIC consegna oltre 7000 euro in premi in denaro a tutti i finalisti. Per scoprire tutti i vincitori e i loro prodotti si può accedere alla pagina di Beyondplastic, dove i potenziali consumatori possono saperne di più e contattare i produttori per effettuare acquisti.

 

(Visited 12 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago