AttualitàClimaPolitica

Belgio, lo Stato condannato per inazione climatica. Ma il tribunale non fissa percentuali di riduzione

Condividi

In Belgio, un tribunale ha condannato lo Stato per inazione climatica. Un iter processuale simile a quello di altri paesi, ma si tratta di una vittoria parziale degli ambientalisti.

Un tribunale, in Belgio, ha condannato lo Stato per inazione climatica. Una vicenda che ricorda i casi di Francia, Germania, Irlanda e Paesi Bassi e che fa esultare le associazioni ambientaliste che avevano avviato l’azione legale. “Ce l’abbiamo fatta! Oggi il tribunale di primo grado di Bruxelles ha condannato le autorità belghe per la loro politica climatica negligente, che viola i doveri di tutela dei diritti umani“, festeggia Klimaatzaak.

 

Si tratta però solo di una vittoria parziale, perché il tribunale non ha imposto obiettivi percentuali concreti di riduzione delle emissioni di gas serra. I giudici si sono infatti limitati ad accusare il governo belga e tre Regioni (Fiandre, Vallonia e Bruxelles) di condurre una politica climatica negligente. Lo riporta Lifegate.

Show your stripes, la campagna dell’Onu che mostra i dati drammatici del cambiamento climatico

La sentenza dei giudici comunque pone in evidenza le scelte negative sul riscaldamento globale. “Le autorità non si sono comportate in modo prudente e diligente” – si legge nella sentenza – “Senza prendere misure necessarie per prevenire gli effetti dei cambiamenti climatici, è stata violata la Convenzione europea dei diritti dell’uomo“. L’azione legale era stata lanciata da Klimaatzaak e sostenuta dalle firme di 58mila cittadini in Belgio. “Servono decisioni immediate per garantire una decarbonizzazione efficace della nostra economia“, spiega l’associazione ambientalista.

Zakia Khattabi, ministra del Clima e dell’Ambiente del Belgio, ha commentato la sentenza del tribunale. “Ne prendiamo atto, ma non ci sono conseguenze finanziarie né giuridiche“, spiega la ministra. Che poi ha aggiunto: “Abbiamo sostenuto l’incremento dell’obiettivo europeo di riduzione dei gas serra di almeno il 55% entro il 2030, ma anche di voler raggiungere le emissioni zero entro il 2050. E attiveremo tutti gli strumenti federali a disposizione per raggiungerli“. Intanto, però, la sentenza del tribunale ha stabilito un principio importante: la tutela dai rischi causati dal cambiamento climatico è un diritto umano che non può essere negato ai cittadini belgi.

(Visited 16 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago