Roma

Convegno, BCC Colli Albani: “Internazionalizzazione aziendale, il Cile come opportunità di mercato”

Condividi

Sabato 5 ottobre all’interno del palazzo Sforza Cesarini Genzano di Roma si è tenuta la conferenza internazionale aziendale “il Cile un mercato di riferimento per le PMI italiane nell’America Latina”, promossa dalla BCC Colli Albani.

Un convegno progettato per fornire alle imprese professionisti del territorio le linee guida necessarie per internazionalizzare la propria produzione.

Il mercato estero apre una strada colma di nuove opportunità ed è essenziale saper bene come muoversi e quali gli strumenti più giusti a supporto.  Una mattinata di dibattiti e di confronto per chi voglia intraprendere il percorso dell’internazionalizzazione. Si tratta di un tema che riguarda non solo le imprese locali ma che si espande addirittura verso un altro continente.

Cibo, vino e storia. Gli inglesi riscoprono i Castelli Romani

“La scelta è stata quella di studiare un caso specifico e per tale ragione si è optato per l’aria dell’America Latina.” – Flavia Napoleoni direttore area Affari generali della BCC Colli Albani e moderatore dell’incontro – “In particolare lo stato del Cile, il cui ritmo di crescita si mantiene elevato, è un caso di studio interessante perché le imprese estere che internazionalizzano lì la propria produzione devono corrispondere ai ritmi di crescita che continua a registrare quello stato”.

Tra i presenti all’evento anche l’ambasciatore cileno Sergio Romero Pizarro, il presidente Fabio Desideri della Federazione Confimprese World e il presidente Antonio Galletti dell’Ordine Avvocati di Roma.

TED sbarca a Frascati. Appuntamento 12 ottobre con le “idee che meritano di essere diffuse”

(Visited 36 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago