Clima

Barriera corallina, c’è ancora speranza per la sua sopravvivenza?

Condividi

L’aumento della temperatura negli oceani a causa del cambiamento climatico è la causa principale dello sbiancamento (Noaa). Ecco cosa sta accadendo alla Grande Barriera Corallina e come è cambiata negli anni.

Nella rubrica mensile della BBCThen and Now” è stato osservato lo sbiancamento dei coralli e come il riscaldamento delle acque stia minacciando la sopravvivenza di una vera meraviglia dei mari. Le barriere coralline sono alveari di attività nell’oceano, dove si possono trovare molte specie diverse. Gli scienziati si riferiscono a tali zone come hotspot di biodiversità.

Sebbene le barriere coralline occupino meno dell’1% dell’area coperta dall’oceano, si stima che ospitino più di un terzo della vita sotto le onde. Eppure anche loro devono affrontare un futuro incerto a causa del riscaldamento del mondo. Gli scienziati elencano il cambiamento climatico come la principale causa di danni alle barriere coralline del mondo.

I coralli non possono tollerare temperature molto elevate, quindi quando l’acqua dell’oceano si riscalda, diventano effettivamente “malati”. Uno stress termico di questo tipo può portare il corallo a sbiancare, il che significa che perde i suoi colori sorprendenti e diventa bianco o molto pallido.

Filippine, le immagini del degrado in corso nella barriera corallina invasa dalle mascherine VIDEO

Il corallo può sopravvivere agli eventi di sbiancamento, ma in questo stato è anche più probabile che muoia. Le foto prima e dopo di The Ocean Agency e pubblicate dalla BBC, mostrano un episodio di sbiancamento e mortalità dei coralli nelle Samoa americane, un territorio nell’Oceano Pacifico, nel 2015.

Un team di scienziati statunitensi osservò all’epoca: “Grave sbiancamento e mortalità si sono verificati sulle barriere costiere e lagunari poco profonde lungo Tutuila meridionale, l’isola principale delle Samoa americane. Questi habitat poco profondi hanno una circolazione dell’acqua limitata, che peggiora gli effetti dello stress da alta temperatura“.

Nonostante questo preoccupante evento, lo stato delle barriere coralline in quest’area è attualmente ritenuto “buono”. Il corallo è un termine generico per diverse specie di invertebrati marini (animali senza spina dorsale). Hanno uno strato esterno duro (esoscheletro) a base di carbonato di calcio – la stessa materia di cui sono fatti i gusci.

Si trovano in tutto il mondo, dalle acque tropicali alle gelide regioni polari. Tuttavia, i coralli formano solo barriere coralline nei mari caldi e poco profondi dei tropici. La più famosa di queste è la Grande Barriera Corallina lunga 2.300 km, situata al largo delle coste nord-orientali dell’Australia.

Barriera corallina, nasce l’accordo tra Università Bicocca e Maldive per salvare la scogliera

Il corallo sano forma una relazione simbiotica con le alghe microscopiche, note come zooxantelle. In cambio del permesso di vivere nel duro esoscheletro di carbonato di calcio dei coralli, le alghe aiutano a produrre cibo per i loro ospiti. Le zooxantelle forniscono anche i colori vivaci che abbiamo. Quando le acque si riscaldano e il delicato ecosistema marino diventa malato o stressato, la relazione reciprocamente vantaggiosa si interrompe.

Le alghe “saltano la nave”, lasciando il corallo senza la sua principale fonte di cibo. Il risultato è che il corallo diventa bianco o molto pallido e diventa più vulnerabile agli agenti patogeni. Lo sbiancamento dei coralli è quindi un segnale visibile e drammatico di una barriera corallina sotto forte pressione.

Australia, scoperta una barriera corallina più alta dell’Empire State Building

La National Oceanic and Atmospheric Administration (Noaa) degli Stati Uniti afferma che l’aumento della temperatura negli oceani a causa del cambiamento climatico è la causa principale dello sbiancamento.

Secondo il Natural History Museum di Londra, le barriere coralline hanno un valore globale stimato di £ 6 trilioni all’anno. Ciò è in parte il risultato del loro contributo alle industrie della pesca e del turismo.

Inoltre, le creste nelle barriere coralline fungono da barriere e possono ridurre l’energia delle onde fino al 97%, fornendo alle aree costiere una protezione cruciale contro minacce come gli tsunami. Aiutano a proteggere aree come le foreste di mangrovie e le praterie di fanerogame che fungono da vivai per gli animali marini, così come le popolazioni costiere umane.

Nel 2019, un rapporto del governo australiano ha declassato le prospettive della Grande Barriera Corallina da “povere” a “molto povere” a causa del cambiamento climatico. Ha affermato che l’innalzamento della temperatura del mare, grazie alle emissioni di gas serra dovute all’attività umana, è rimasta la più grande minaccia per la barriera corallina.

Australia, la Grande barriera corallina colpita dal più grande evento di sbiancamento

La barriera corallina è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità nel 1981 per la sua “enorme importanza scientifica e intrinseca”, ma negli ultimi anni è stata sempre più danneggiata dai mari più caldi, che hanno ucciso i coralli e ne hanno compromesso la salute a lungo termine.

I ricercatori di Noaa affermano che, se lo sbiancamento non è grave, è possibile che il corallo si riprenda. Ma gli scienziati temono che stiamo spingendo i delicati ecosistemi marini oltre la loro capacità di far fronte. Ciò significa che le meraviglie naturali a volte descritte come le “foreste pluviali dei mari” potrebbero raggiungere il loro punto di rottura.

(Visited 25 times, 2 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago