Home Attualità Barcellona, la nuova facciata fotocatalitica di un edificio: massimizza la luce e...

Barcellona, la nuova facciata fotocatalitica di un edificio: massimizza la luce e purifica l’aria

Un edificio completamente riqualificato, con una tecnologia quasi fantascientifica: la nuova facciata fotocatalitica massimizza la luce naturale e purifica l’aria circostante. Succede a Barcellona.

Un edificio completamente riqualificato, con una tecnologia avanzatissima: una nuova facciata fotocatalitica, capace di massimizzare la luce naturale e di purificare l’aria circostante dagli agenti inquinanti. Sembra fantascienza, ma a Barcellona è già realtà. L’edificio Diagonal525 è stato rimesso a nuovo con una facciata dal design avveniristico e da una tecnologia che ha permesso di raggiungere la certificazione LEED Gold.

 

A svilupparlo è stata Sanzpont Arquitectura. L’involucro esterno dell’edificio massimizza la luce naturale ed è dotato per tutta la facciata di ampie finestre, realizzate con la tecnologia fotocatalitica krion. Il materiale di ultima generazione, utilizzato per la facciata dell’edificio, sfrutta la fotocatalisi per purificare l’aria, trasformando sostanze inquinanti e agenti chimici in elementi innocui per la salute.

 

L’involucro esterno è progettato in modo da sfruttare al massimo la luce e la ventilazione naturale, evitando però il surriscaldamento nei mesi più caldi. La facciata posta a Sud, inoltre, è dotata di una serie di sottili pannelli fotovoltaici che permettono di alimentare 1.562 punti luce per quattro ore al giorno. La riqualificazione edilizia ha permesso di trasformare un anonimo edificio costruito 50 anni fa, oggi sede di Naturgy Group.

Per raggiungere la massima efficienza energetica, il team che ha realizzato l’opera di riqualificazione sostenibile ha studiato con cura il clima della zona nel corso di tutto l’anno. Le ricerche hanno consentito di aggiungere una copertura a verde pensile, per ottimizzare l’isolamento termico, di orientare i pannelli fotovoltaici nella direzione più favorevole e di scegliere la facciata fotocatalitica come elemento aggiunto per una migliore qualità dell’aria.

Articolo precedenteServizio civile ambientale, l’intesa MiTe-Politiche giovanili: stanziati 20 milioni in un biennio
Articolo successivoBrasile, l’ultima di Bolsonaro: critica Biden perchè “troppo ambientalista”