Italpress

Bankitalia, possibile Pil +4% nel 2021

Condividi

ROMA (ITALPRESS) – “La prosecuzione delle campagne di vaccinazione e il sostegno da parte delle politiche economiche si sono riflessi in un miglioramento delle prospettive globali; nel breve periodo restano però incertezze legate all’evoluzione della pandemia e alle sue ripercussioni sull’economia, per i ritardi nelle campagne di vaccinazione e il diffondersi di nuove varianti”. Così la Banca d’Italia nel Bollettino economico, sottolineando come “in Italia si conferma la resilienza dell’economia, ma pesa l’aumento dei contagi. Nel quarto trimestre del 2020 la caduta del prodotto, benchè significativa, è stata inferiore alle attese. In base agli indicatori disponibili, nei primi tre mesi dell’anno in corso l’attività economica sarebbe rimasta pressochè stabile. Secondo i principali previsori, l’espansione potrebbe essere superiore al 4% nel 2021, con una significativa ripresa nella seconda parte dell’anno, agevolata dal contesto globale”. Secondo la Banca d’Italia “uno scenario di ritorno a una crescita sostenuta e durevole è plausibile, pur se non esente da rischi. Presuppone che sia mantenuto il sostegno all’economia e che si dimostrino efficaci gli interventi in corso di introduzione nell’ambito del Pnrr; le prospettive restano soprattutto dipendenti dai progressi della campagna vaccinale e da una favorevole evoluzione dei contagi”.
(ITALPRESS).

(Visited 9 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago