View of British financial heart, Bank of England and Royal Exchange. Shot made ??fisheye lens

Il Comitato per il Controllo Ambientale (EAC) ha scritto al governatore della Bank of England esortandolo a garantire che tutte le aziende beneficiarie dei finanziamenti provenienti dalla banca stessa debbano rendere pubbliche le loro attività legate al sostegno della questione climatica.

La critica arriva direttamente dai membri del parlamento: la Bank of England ha erogato finanziamenti a favore di società legate ad un’eccessiva produzione di inquinanti, senza stabilire vincoli per la salvaguardia dell’ambiente.

L’istituto finanziario inglese ha fatto sapere che risponderà a queste accuse tempo debito. I finanziamenti riguardano degli aiuti per l’emergenza COVID19 e obbligazioni societarie a lungo termine. Secondo i dati dell’EAC, sono circa 230 le imprese che ne hanno usufruito e la gran parte di queste contribuiscono alla crisi climatica con emissioni da capogiro (alcuni esempi sono la British Airways, la Rolls Royce e la Nissan).

Elon Musk lancia la sfida: 100mln di dollari a chi trova un sistema per intrappolare il carbonio

La lobby europea Positive Money chiede alla banca di ritirare i finanziamenti alle imprese che producono livelli di inquinamento così alti dato che a partire da giugno dello scorso anno più della metà dei fondi sono stati destinati ad imprese che sfruttano i combustibili fossili.

In vista del prossimo vertice delle Nazioni Unite che si terrà a Glasgow nel mese di novembre, il governo britannico sta facendo pressione alla banca in modo che gli investimenti siano in linea con gli obiettivi climatici.

Philip Dunne, presidente dell’EAC ha detto: “Chiediamo alla Banca di dare prova della sua leadership sul piano dei cambiamenti climatici, perché ha l’obbligo morale di allineare le sue attività con gli obiettivi dell’accordo di Parigi chiedendo alle società, che usufruiscono di milioni di sterline dei contribuenti, di rendere pubbliche le loro attività a sostegno dell’ambiente”.

Clima, le foreste più giovani non sono in grado di assorbire carbonio come quelle antiche

Ma la Bank of England ha replicato “abbiamo un programma ambizioso riguardo i cambiamenti climatici, dalle assicurazioni britanniche contro i rischi finanziari legati al clima fino ai lavori internazionali per rendere il sistema bancario più green”.

Di Francesco De Simoni

Articolo precedenteNel 2020 nuovo record per il riscaldamento degli oceani. Tutte le altre notizie
Articolo successivoIkea acquista 4mila ettari di foreste per garantire la loro conservazione