Attualità

Bangladesh, una festa di nozze finisce in una strage: un fulmine uccide 16 invitati

Condividi

Un fulmine in Bangladesh in pochi secondi ha ucciso 16 persone ad una festa di matrimonio. Secondo uno studio un fulmine uccide ogni anno centinaia di persone nella nazione dell’Asia meridionale. Alcuni esperti affermano che la deforestazione ha aumentato il bilancio delle vittime.

Diversi fulmini si sono abbattuti in Bangladesh nel corso di una festa di matrimonio: i due sposi sono riusciti a trovare riparo ma in pochi secondi sono state colpite ed uccise almeno 16 persone, tra cui alcuni bambini.

Incendi, non si ferma la “stagione delle fiamme” in tutta Europa

La tempesta si è scatenata sulle rive del fiume Padma, nel distretto di Chapai Nawabganj.  Il Dipartimento per la gestione dei disastri ambientali del Bangladesh ha affermato che quest’anno violente tempeste monsoniche hanno colpito il paese. Una settimana di piogge torrenziali nel distretto sudorientale di Cox’s Bazar ha provocato circa 20 morti.

Incendi e inquinamento marino, come le fiamme stanno devastando terra e mare

Un fulmine uccide ogni anno centinaia di persone nella nazione dell’Asia meridionale. Secondo un conteggio ufficiale, nel 2016 ci sono state più di 200 morti per fulmini, con 82 persone morte in un solo giorno a maggio.

Tuttavia, molti decessi non vengono mai registrati ufficialmente e un monitor indipendente ha contato almeno 349 morti per fulmini. Alcuni esperti affermano che la deforestazione ha aumentato il bilancio delle vittime. Il Bangladesh ha piantato centinaia di migliaia di palme nel tentativo di alleviare l’impatto del cambiamento climatico e ridurre il numero di morti dovute ai fulmini.

(Visited 268 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago