Attualità

BANCHE VENETE, VIOLA: “85% ATTIVI SONO CREDITI DETERIORATI”

Condividi

Banche venete, Viola: “85% attivi sono crediti deteriorati”. “Il Governo, sul fronte delle Banche Venete, ha fatto tutto quello che mi aspettavo facesse”.
Sono le parole del commissario liquidatore di Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza Fabrizio Viola in audizione in Commissione d’inchiesta sulle banche.
“La situazione – ha poi precisato Viola – si era deteriorata molto. i tempi tecnici di soluzione delle crisi in Europa non sono brevissimi, non riesco ad individuare situazioni in cui il governo non ha fatto le cose che doveva fare”.
In audizione il commissario liquidatore delle banche venete ha poi spiegato che “la struttura dell’attivo di Veneto banca, fa si’ che piu’ dell’80-85% dell’attivo e’ costituito da crediti deteriorati, quindi solo una componente limitata e’ costituita da attivi finanziari e partecipazioni. La conclusione – dice – e’ che il rimborso del passivo dipendera’ dalla recuperabilità dei crediti deteriorati”.
Numeri simili anche per Popolare di Vicenza.
Prossimo appuntamentpo, givoedi’ 9 novembre, quando la Commissione d’inchiesta svolgera’ l’audizione congiunta di Carmelo Barbagallo, capo del dipartimento vigilanza bancaria e finanziaria di Banca d’Italia e Angelo Apponi, direttore generale della Consob.

(Visited 94 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago