Italpress

Banca Popolare Sant’Angelo, un annullo postale speciale per i 101 anni

Condividi

LICATA (AGRIGENTO) (ITALPRESS) – Un annullo postale speciale in occasione dei 101 anni della Banca Popolare Sant’Angelo. Sarà disponibile domenica 16 maggio dalle 9 alle 13, presso la sede di Palazzo Frangipane a Licata in occasione della Assemblea dei soci convocata per l’approvazione del bilancio. L’annullo, a disposizione degli appassionati, è di forma circolare e celebra i 101 anni dalla fondazione della Banca con la frase “l’energia del un nuovo inizio”. Al centro campeggia il logo dell’Istituto Popolare, mentre lungo il margine inferiore corre la data del 16 maggio 2021 e il codice di avviamento postale di Licata (92027), comune in provincia di Agrigento, storica sede della Sant’Angelo.
“Abbiamo ritenuto di buon auspicio celebrare i 101 anni dalla fondazione della Sant’Angelo in modo duraturo – dice l’ad dell’Istituto Ines Curella – e la frase ‘l’energia del nuovo iniziò, posta in epigrafe all’annullo, sintetizza efficacemente l’entusiasmo e la ricchezza di idee e di progetti che caratterizza la nostra banca la quale, in linea con il piano strategico 2021-22, si proietta in uno scenario di grandi cambiamenti, proponendosi quale banca territoriale di riferimento per i Soci e i Clienti”.
(ITALPRESS).

(Visited 10 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago