InquinamentoRifiuti

Bali, spiagge sommerse dalla plastica. Cosa sta succedendo?

Condividi

Sulle spiagge più belle di Bali sono state raccolte circa 90 tonnellate di plastica. Ma si tratta di “una quantità enorme di plastica che peggiora ogni anno”. Ecco cosa sta succedendo. 

Le paradisiache spiagge di Bali ancora una volta sono sommerse dai rifiuti. Si apre così il 2021, un anno che dovrebbe segnare una svolta nella lotta all’inquinamento, soprattutto quello legato alla plastica che non accenna a diminuire. Secondo gli esperti sta diventando un evento annuale grazie al clima monsonico, alla cattiva gestione dei rifiuti e alla crisi globale dell’inquinamento marino. Sono state rimosse circa 90 tonnellate di plastica dalle spiagge di Kuta, Legian e Seminyak.

Gli imballaggi in plastica per alimenti superano i mozziconi di sigaretta come rifiuti più presenti sulle spiagge

Wayan Puja, dell’agenzia per l’ambiente e i servizi igienico-sanitari della zona di Badung, ha dichiarato: “Abbiamo lavorato molto duramente per ripulire le spiagge, tuttavia la spazzatura continua ad arrivare. Ogni giorno impieghiamo il nostro personale, camion e caricatori “.

Il governo indonesiano ha lanciato una strategia nazionale nell’aprile 2020 per combattere la “crisi incombente” dei rifiuti di plastica che stava colpendo l’ambiente marino e l’economia del paese. La dott.ssa Denise Hardesty, una ricercatrice  presso l’agenzia scientifica australiana CSIRO ed esperta di inquinamento globale da plastica, ha affermato che attualmente viene raccolta una “quantità enorme” di plastica dalle spiagge e che peggiora ogni anno.

Entro il 2100 potrebbero sparire metà delle spiagge del mondo

Non è nuovo e non è sorprendente e succede ogni anno, ed è cresciuto nell’ultimo decennio“, ha detto la dott.ssa Denise Hardesty, una degli esperti che lavorano con il governo indonesiano sul suo piano d’azione.

Le spiagge di Bali nel sud-ovest tendevano a raccogliere rifiuti quando le piogge monsoniche e i venti soffiano ogni anno da ovest a est ma la crescente quantità di plastica rimossa è in linea con l’aumento globale della produzione di plastica. Le spiagge di tutto il mondo stanno assistendo a un aumento dei rifiuti, “ma nei paesi monsonici troviamo un effetto stagionale molto più forte“.

La posidonia diventa ‘arredo’ nelle Spiagge Ecologiche del Circeo e Torre Flavia

Hardesty ha affermato che i gruppi e gli individui della comunità stanno diventando più attivi nel tentativo di ridurre l’uso della plastica e che è stata utilizzata una serie di approcci per affrontare il problema. CSIRO sperava anche di implementare un nuovo metodo in Indonesia che utilizzasse telecamere remote e intelligenza artificiale per tracciare i rifiuti e identificare i punti caldi. Il dottor Gede Hendrawan, capo del centro per il telerilevamento e le scienze oceaniche presso l’Università Udayana di Bali, ha affermato che uno dei problemi principali sono gli inefficaci sistemi di trattamento dei rifiuti in Indonesia: “Il problema più grande è che in realtà il trattamento dei rifiuti non è stato efficace in Indonesia. Bali ha appena iniziato a riorganizzarlo”.

Il governatore di Bali, Wayan Koster, ha sollecitato un’azione seria per ripulire le spiagge, enorme richiamo turistico, anche se l’economia di Bali è stata duramente colpita dalla pandemia che ha decimato la sua industria del turismo con solo arrivi interni. 

(Visited 205 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago