AnimaliAttualità

Balene, quasi 100 esemplari trovati morti spiaggiati in Nuova Zelanda

Condividi

97 balene e 3 delfini sono stati ritrovati morti su una spiaggia sulle Isole Chatham, in Nuova Zelanda. Ancora ignote le cause.

Circa 100 tra balene e delfini sono morti in un arenamento di massa sulle remote Isole Chatham, a circa 800 km (497 miglia) dalla costa orientale della Nuova Zelanda

La maggior parte di loro è finita sulla spiaggia durante il fine settimana, ma i soccorsi sono stati fermi per giorni a causa della posizione remota dell’isola.

Animali, l’estinzione delle balene è sempre più vicina

Mercoledì il Dipartimento di conservazione della Nuova Zelanda ha riferito che un totale di 97 globicefali(dette anche balene pilota) e tre delfini sono morti nello spiaggiamento, aggiungendo che sono stati informati dell’incidente solo domenica scorsa.

 


Solo 26 delle balene erano ancora in vita a questo punto, la maggior parte apparivano molto deboli a causa delle condizioni del mare agitato e dalla presenza di grandi squali bianchi nell’acqua, attirati dalla presenza di carcasse sulla spiaggia “, ha detto il DOC Biodiversity Ranger Jemma Welch. Gli esemplari in fin di vita sono stati soppressi.

Gli spiaggiamenti di massa sono ragionevolmente comuni sulle isole Chatham. Nel 1918 morirono fino a 1.000 animali in un unico arenamento di massa.

Tasmania, morte 380 balene: uno spiaggiamento tra i più grandi mai registrati

Gli spiaggiamenti di balene di massa si sono verificati spesso nella storia moderna, anche se il motivo per cui accade è una domanda che ha lasciato perplessi i biologi marini per anni.

Alla fine di settembre, diverse centinaia di balene sono morte in acque poco profonde al largo della costa australiana in uno degli spiaggiamenti di balene di massa più grandi della storia recente.
(Visited 56 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago