AnimaliAttualità

Balene, trovati altri due corpi al largo delle coste del Canada VIDEO

Condividi

Il Dipartimento della Pesca e degli Oceani  ha confermato l’avvistamento di altri due corpi di balene del Nord Atlantico nel golfo di St. Lawrence, portando a 4 il numero di balene di questa specie in via di estinzione morte in acque canadesi nel 2019.

Il DFO ha dichiarato che le balene sono state trovate vicino alla Penisola di New Brunswick, a ovest delle Isole Magdalen. I funzionari del dipartimento stanno lavorando con i biologi marini per identificare le cause della morte.

Balene, registrato per la prima volta il canto delle più rare del pianeta

Questa notizia arriva solo a poche ore dall’inizio dell’autopsia su un altra balena del Nord Atlantico, una femmina di 40 anni trovata morta il 20 giugno a largo delle Isole Magdalen.

 

I biologi hanno dichiarato che è ancora troppo presto per divulgare il rapporto completo dell’autopsia. “Queste autopsie sono fondamentali per capire cosa sta uccidendo le balene del Nord Atlantico nelle nostre acque, e in che modo possiamo proteggerle e aiutarle”, ha dichiarato il DFO in una conferenza stampa.

Balene, nuova strage alle Isole Faroe. Uccisi 150 esemplari IMMAGINI

I veterinari dell’ Università di Prince Edward Island e dell’Università hanno compiuto l’autopsia con l’assistenza del DFO e del Marine Animal Response Society.

Il team non ha trovato nelle prove di danni causati da pescherecci o da reti da pesca nelle operazioni preliminari. Altri studi sono in corso al momento.

Balene, nuova strage alle Isole Faroe. Uccisi 150 esemplari IMMAGINI

I funzionari del DFO hanno dichiarato che i risultati completi dell’autopsia verranno rilasciati nei prossimi mesi e che stanno prendendo “tutte le azioni necessarie per proteggere questa specie in via di estinzione”

Nel 2017 12 balene del Nord America sono state trovate morte in acque canadesi. La popolazione attuale di questi cetacei non supera le 400 unità in tutto il mondo.

 

 

(Visited 166 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago