Una femmina di balena franca, una specie ad altissimo rischio di estinzione, è stata avvistata insieme al suo piccolo al largo delle coste della Georgia. Entrambi sono impigliati in una gigantesca rete da pesca e rischiano di morire.

Un video che stringe il cuore, quello di una balena franca impigliata in una rete da pesca insieme al cucciolo partorito di recente. I due cetacei sono stati avvistati al largo della costa della Georgia, negli Stati Uniti, da alcuni biologi. Uno di questi, Clay George, ha spiegato che il cucciolo appare sano e illeso, ma il destino si prefigura avverso. La balena franca è una specie ad altissimo rischio di estinzione, con una popolazione stimata in meno di 350 esemplari.

La femmina avvistata la scorsa settimana era già stata notata, sempre impigliata nella corda da pesca, nello scorso marzo. All’epoca, la balena era stata segnalata nella baia di Cape Cod, al largo delle coste del Massachusetts. Alcuni esperti di fauna selvatica erano riusciti ad accorciare la corda, ma senza liberare del tutto la balena. “Non avevamo mai visto una balena impigliata in quel modo venire qui dal Nord e partorire, ma potrebbe comunque essere una condanna a morte. La mamma potrebbe avere difficoltà sia ad allattare il suo piccolo che ad avere ancora l’energia necessaria per continuare a trascinare la lenza mentre cerca anche di riprendersi da potenziali ferite riportate in bocca” – ha spiegato Clay George – “Le balene franche femmine si nutrono tra New England e Canada, poi si dirigono a Sud per partorire e non mangiano fino al loro ritorno, dopo un viaggio di almeno tre mesi. Ogni tentativo di soccorso si è rivelato vano e pericoloso, sia per le due balene che per i ricercatori“.

Khaby Lame, il video con tigri e leoni: “Gli animali dovrebbero vivere nel loro habitat”

La preoccupazione degli esperti della Divisione animali selvatici del Dipartimento di risorse naturali della Georgia è per i due pezzi di corda, di circa sei metri, che escono dal lato sinistro della bocca della balena. “Se quei due pezzi di corda finissero per annodarsi l’uno intorno all’altro e si formasse un cappio, il cucciolo potrebbe finire per rimanere impigliato“, spiega ancora Clay George. Secondo una stima, solo l’anno scorso la balena franca ha perso circa il 10% del totale della propria popolazione. Le balene franche sono state decimate durante l’era della caccia commerciale, quando venivano uccise per il loro grasso. Oggi il pericolo principale sono gli attrezzi da pesca e le collisioni con le navi, che stanno uccidendo gli esemplari più rapidamente di quanto possano riprodursi.

Articolo precedenteCingolani: “La Youth4Climate ancora in Italia il prossimo anno, poi diventerà itinerante”
Articolo successivoApi, allarme per un pesticida in fase di approvazione: “Potrebbe sterminarle”