Le interviste social di Mariaelena Leggieri

Aziende e sostenibilità, l’impegno di FRoSTA Italia per ridurre l’impatto ambientale

Condividi

Gianluca Mastrocola, direttore generale FRoSTA Italia, racconta come l’azienda persegua obiettivi di sostenibilità, trasparenza e minor impatto ambientale nella produzione: dall’iniziativa FRoSTA amica della Natura con Legambiente alla prima ecobag per surgelati. 

Il concetto di sostenibilità aziendale diventa sempre più una necessità che si sta affermando anche perché è lo stesso mercato a chiederla. I consumatori stessi tendono a premiare prodotti e aziende che scelgono di ridurre il proprio impatto ambientale, facendo attenzione a quei brand che invece tentano di mostrarsi pubblicamente “sostenibili” senza che lo siano effettivamente (il cosiddetto fenomeno di “greenwashing“).

Quali sono gli step per definire un’azienda sostenibile e che tipo di strategie si possono adottare? Gianluca Mastrocola, direttore generale FRoSTA Italia, ci ha raccontato come l’azienda produttrice di surgelati abbia optato per scelte sostenibili nella produzione dei prodotti, obiettivi nella riduzione delle emissioni di CO2 e degli imballaggi in plastica e iniziative di sensibilizzazione, come quella lanciata con Legambiente.  

In cosa consiste il progetto FRoSTA amica della Natura con Legambiente?

La collaborazione con Legambiente è nata perché condividiamo gli stessi obiettivi e vogliamo fare la nostra parte per la salvaguardia del pianeta. Il percorso di  FRoSTA amica della Natura è a tappe ed è iniziato a fine maggio ad Amatrice. Toccherà diversi temi per sensibilizzare le persone su biodiversità, cambiamenti climatici, tutela dei ghiacciai ed economia circolare. Nell’evento Save The Queen ad Amatrice abbiamo donato degli alveari ad un gruppo di apicoltori locali per dare un contributo a questi imprenditori che stanno facendo tutto il possibile per sostenere l’economia delle zone colpite dal sisma. Ma anche un contributo per sostenere la popolazione delle api in forte diminuzione a causa di diverse forme di inquinamento. Una ricerca FAO evidenzia che il 37% della popolazione delle api è in declino a causa dell’inquinamento luminoso e per l’uso eccessivo di pesticidi.

Save The Queen, Amatrice “alveare” del Centro Italia. La campagna di Legambiente, FRoSTA e Beeing

Se le api diminuiscono tutto l’ecosistema ne soffrirebbe pesantemente. Esse giocano un ruolo fondamentale nella riproduzione delle specie vegetali, non solo selvatiche ma anche quelle coltivate. Abbiamo destinato una parte dei nostri campi per lo sviluppo di piante spontanee per ricreare l’habitat ideale per lo sviluppo di questi insetti impollinatori. 

Questa campagna vuole anche evidenziare come le scelte del consumatore siano importanti e come queste possono influenzare la qualità della vita della collettività. Il lockdown è stata un’occasione unica per evidenziare quello che è stato l’effetto dell’attività umana sull’ambiente: mari più trasparenti, tassi di agenti chimici diminuiti notevolmente. Solo se prestiamo attenzione alla nostra attività possiamo tutelare le risorse naturali senza alterare gli equilibri. 

A fine estate è prevista un’ulteriore iniziativa con Legambiente, “La carovana dei ghiacciai”, un viaggio in cinque diverse località alpine attraverso il quale vogliamo porre l’attenzione sulla catena del freddo. Il problema dello scioglimento dei ghiacciai è un circolo vizioso al quale si potrà porre fine solo iniziando ad adottare modelli di produzione e consumo virtuosi.

Abbattere la carbon footprint e ridurre la plastica per diminuire l’impatto ambientale di un’azienda. Come è cambiata negli anni la produzione di FRoSTA e come persegue questi obiettivi?

Il ruolo della produzione e distribuzione è fondamentale nei confronti del consumatore. Con la nostra azienda abbiamo applicato la scelta del 100% naturale perché sappiamo bene che la produzione industriale rappresenta una delle principali fonti di inquinamento ambientale. Ed è per questo che abbiamo avviato un percorso per l’abbattimento delle emissioni di gas serra e per la riduzione dell’utilizzo della plastica

Tutto il pescato impiegato nei prodotti è certificato MSC seguendo metodi di pesca responsabili che tutelano l’ecosistema marino e contrastano la pesca illegale. Greenpeace ci ha anche assegnato il primato di trasparenza e tracciabilità tra i marchi che vendono pesce.

Per combattere i cambiamenti climatici bisogna essere attivi su più livelli: dal 2008 registriamo le emissioni che si verificano durante il ciclo di vita dei nostri prodotti. Ci siamo prefissati dei target ambiziosi: nell’arco di 4 anni vogliamo abbattere le nostre emissioni del 7,5%. 

Frosta è stata la prima in Italia a lanciare sul mercato una ecobag per i surgelati. Come è nata l’idea? 

Per la riduzione della plastica degli imballaggi, con la collaborazione con la Valle degli Orti, abbiamo lanciato  una ecobag, una busta riciclabile nella carta, grazie alla quale abbiamo stimato una diminuzione di più del 70% della plastica che andiamo ad utilizzare. Per le emissioni di CO2 e la realizzazione del packaging parliamo anche di una riduzione di circa il 40%. Stiamo allargando anche al resto della gamma questa tipologia di imballaggi. 

Surgelati, arriva il packaging sostenibile: Italia primo paese a lanciarlo sul mercato

#unalltromodoper è un manifesto della sostenibilità presente sul vostro sito web. Di cosa parla?

Si tratta di un manifesto trasparente disponibile online  che riassume il “100% della scelta naturale” come scelta alimentare informata e consapevole. Una scelta pionieristica per rinunciare ad ogni tipo di additivo. Non l’abbiamo fatto per moda ma perché crediamo che si può fare cibo in maniera naturale. Questa campagna nasce dalla convinzione di un altro modo per scegliere e mangiare consapevolmente e di produrre cibo genuino utilizzando le risorse della natura, senza alterarne gli equilibri. 

Quanto è importante oggi per un’azienda essere sostenibile e comunicare ai consumatori trasparenza, attenzione all’ambiente e origine dei prodotti?

Il consumatore moderno è consapevole. Per questo il concetto di sostenibilità è legato a quello di trasparenza che vuol dire condivisione. Con la condivisione si arricchisce la conoscenza delle scelte adottate per sostenere l’ambiente. Solo grazie al contributo di tutti, produttori, distributori e consumatori, possiamo migliorare l’ambiente in cui viviamo e la qualità di vita di tutta la collettività.

(Visited 68 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago