Breaking News

Australia, altre due vittime dei violenti incendi. Salgono a 12 i morti

Condividi

Australia. Temperature che sfiorano i 50 gradi, le fiamme lambiscono Sydney e Melbourne, cinque dispersi e dodici vittime dall’inizio dei roghi.

Ieri centomila persone sono fuggite da cinque sobborghi di Melbourne proprio a causa dell’avanzata degli incendi.

E’ il tragico bilancio dei violenti incendi che stanno devastando l’Australia.

Oggi, altre due vittime sono morte nello Stato australiano del Nuovo Galles del Sud.

Australia, milioni di animali lottano per la sopravvivenza durante gli incendi

Secondo quanto riporta la Cnn online, inoltre, circa 4.0000 persone hanno abbandonato le loro case questa mattina a causa delle fiamme nella località di Mallacoota (Victoria) e si dirigono verso la spiaggia.

Secondo i media le vittime più recenti sarebbero un uomo e suo figlio: i loro corpi sono stati trovati nella città di Corbargo.

Australia, incendi e catastrofi preannunciati. Anche i volontari al lavoro

Il totale dei morti provocati dall’emergenza incendi dallo scorso settembre sale così a 12.

A Mallacoota, dove da giorni è saltata la corrente elettrica, le autorità hanno spiegato che questi incendi sono stati il risultato di forti temporali e dei fulmini.

Incendi Australia, un gruppo di koala salvati e portati a casa da un pompiere

Nei giorni scorsi hanno continuato ad allertare i trentamila turisti a lasciare questa zona che è una delle centinaia attualmente devastate dagli incendi nell’immensa isola-continente

“Abbiamo tre squadre schierate a Mallacoota che si prenderanno cura delle 4.000 persone sulla spiaggia” – ha spiegato un portavoce dei pompieri, che ha dichiarato anche di essere “molto preoccupato per questo gruppo che si ritrova isolato”.

Sui social network, i residenti hanno affermato di aver indossato preventivamente giubbotti di salvataggio nel caso in cui fossero stati costretti a rifugiarsi in acqua per sfuggire alle fiamme.

(Visited 20 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago