AttualitàGood News

Australia, scoperta una barriera corallina più alta dell’Empire State Building

Condividi

Una scoperta del genere non avveniva da ben 120 anni: una barriera corallina più alta dell’Empire State Building di New York è stata trovata al largo delle coste del Queensland in Australia.

Un team a bordo di una nave da ricerca di proprietà dello Schmidt Ocean Institute (SOI), un gruppo senza scopo di lucro con sede in California, ha utilizzato un robot sottomarino per esplorare la barriera corallina. Conosciuto come SuBastian, il robot ha trasmesso in live streaming il video di una straordinaria scoperta: una barriera distaccata del Great Barrier Reef alta 500 metri, più dell’Empire State Building di New York e delle Petronas Twin Towers a Kuala Lumpur in Malesia.  L’area si estende per circa 1,5 chilometri e una scoperta del genere non avveniva da ben 120 anni. 

Trovare una nuova barriera corallina alta mezzo chilometro nella zona al largo di Cape York della rinomata Grande Barriera Corallina mostra quanto misterioso sia il mondo appena oltre la nostra costa. – ha detto il direttore esecutivo del SOI, la dott.ssa Jyotika Virmani Questa potente combinazione di dati cartografici e immagini sottomarine verrà utilizzata per comprendere questa nuova barriera corallina e il suo ruolo all’interno dell’incredibile Area del Patrimonio Mondiale della Grande Barriera Corallina“.

Foto Schimdt Ocean Institute

La Grande Barriera Corallina, la barriera corallina più grande del mondo, ospita oltre 1.500 specie di pesci, 411 specie di coralli e dozzine di altre specie. Estendendosi per oltre 2.300 km (1.400 miglia), la barriera corallina è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità nel 1981 per la sua “enorme importanza scientifica e intrinseca”.

Ma negli ultimi anni è stata ampiamente danneggiata dai mari più caldi che hanno ucciso i coralli, disperso altra vita marina e accelerato la crescita di alghe e altri contaminanti.

Uno studio pubblicato all’inizio di questo mese ha rilevato che la Grande Barriera Corallina ha perso più della metà dei suoi coralli dal 1995 a causa dei mari più caldi causati dai cambiamenti climatici.

La Grande Barriera Corallina è in pericolo: ha perso la metà dei suoi coralli negli ultimi 30 anni

Cosa sappiamo della nuova barriera corallina? La barriera corallina è la prima del suo genere ad essere stata trovata nella regione dalla fine del 1800, hanno detto gli scienziati. Ci sono altre sette barriere coralline alte nella regione, inclusa quella a Raine Island, la più importante area di nidificazione delle tartarughe marine verdi del mondo.

Mentre la barriera corallina è adagiata sul fondo dell’oceano al largo del Queensland settentrionale ed  è staccata, il che significa che non fa parte del corpo principale della Grande Barriera Corallina.

Australia, la Grande barriera corallina colpita dal più grande evento di sbiancamento

Questa scoperta inaspettata afferma che continuiamo a trovare strutture sconosciute e nuove specie nel nostro oceano“, ha detto il co-fondatore di SOI Wendy Schmidt. Lo stato delle nostre conoscenze su cosa c’è nell’oceano è stato a lungo così limitato. Grazie alle nuove tecnologie abbiamo la capacità di esplorare come mai prima d’ora.

(Visited 61 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago