ClimaPolitica

Australia, il New South Wales rinuncia alla privatizzazione delle foreste dopo gli incendi

Condividi

Il governo del New South Wales ha annunciato che non porterà avanti la privatizzazione delle foreste a seguito della devastante stagione degli incendi.

Il governo dello stato australiano del New South Wales non procederà con la privatizzazione delle piantagioni di legno dolce gestite dalla Forestry Corporation a seguito della devastante stagione degli incendi.

Australia, finalmente tutti gli incendi sono sotto il controllo dei vigili del fuoco

Il governo ha deciso di rinunciare ad un leasing a lungo termine proposto dalle imprese dopo cinque mesi di investigazioni, che hanno dovuto tener conto dei danni causati dai recenti incendi: circa il 25% del legno dolce della Forestry Corporation è stato colpito dagli incendi. La società inoltre gestisce 34,000 ettari di piantagioni di legname duro e amministra circa 2 milioni di ettari di foreste di cipressi e di eucalipti.

Australia, gli accademici chiedono di ridurre le emissioni e riconoscere i cambiamenti climatici

John Barilaro, deputato e vice premier del NSW, ha spiegato che la priorità del governo è quella di rimettere in sesto il settore forestale: “Far ricrescere le nostre foreste, piantare nuovi alberi e rinforzare le imprese in modo da poter assicurare un futuro a lungo termine al settore della legna”.

Australia, i delfini minacciati dall’inquinamento delle acque

La decisione è giunta dopo la rivelazione secondo la quale il governo del NSW era pronto a privatizzare le foreste di stato per raccogliere un miliardo di dollari per le infrastrutture. Il contratto di locazione a lungo termine dei 230.000 ettari di piantagioni di legname dolce di Forestry Corporation doveva essere uno dei primi beni da sacrificare per raccogliere i fondi. Queste foreste producono circa il 14% di tutto il legname australiano, di cui gran parte utilizzato nell’industria edilizia.

(Visited 18 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago