Attualità

Australia, manifestanti di Extinction Rebellion arrestati durante una protesta in costume VIDEO

Condividi

Tredici manifestanti di Extinction Rebellion sono stati arrestati durante una protesta in maschera per aver bloccato una strada spargendo carbone.

Tredici attivisti ambientali appartenenti al movimento di protesta di Extinction Rebellion sono stati arrestati dopo essersi incollati al pavimento in una delle strade più affollate di Sydney, in una manifestazione che è stata prontamente sgomberata dalla polizia. I protestanti si sono vestiti come elfi e renne di Natale ed hanno caricato del carbone su una slitta di Babbo Natale. La polizia è entrata in azione dopo che i manifestanti hanno iniziato a spargere carbone per la strada.

 

Australia, continua l’emergenza. Le fiamme hanno raggiunto Sydney

La polizia ha usato l’acetone per scollare i protestanti. Tredici protestanti sono arrestati, inclusi uno vestito come il Primo Ministro Scott Morrison e sono stati portati alla stazione di polizia di Surry Hills. Il manifestante indossava un grande copricapo incatenato alla propria testa, rimosso dalla polizia con delle cesoie. Il Primo ministro australiano è al centro delle polemiche per essersi concesso una vacanza durante lo stato d’emergenza dovuto agli incendi che stanno devastando il paese da mesi.

Australia, continua la stagione degli incendi. Governo al centro delle polemiche VIDEO

“Lo faccio perché voglio assicurare un futuro sicuro a mia nipote e ai miei futuri bambini. Quando si parla della crisi ecologica, l’inazione che stiamo vedendo è ai limiti della negligenza criminale. Se alcuni di noi non sono pronti a sacrificare la propria sicurezza, la propria libertà e la propria stabilità economica, allora niente cambierà” ha detto Alex, uno dei manifestanti, prima di essere liberato dalle catene e portato in caserma su un mezzo della polizia.

 

Extinction Rebellion, ecco chi sono gli ambientalisti che stanno bloccando Londra

Pitts Street è stata chiusa al traffico ma è stata subito riaperta dalla polizia dopo la fine della protesta.

(Visited 11 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago