Il governo australiano ha stanziato un fondo di 100 milioni di dollari per proteggere gli oceani e la vita marina.

La scorsa settimana l’Australia ha impegnato 100 milioni di dollari per la conservazione degli oceani nel tentativo di proteggere gli ambienti marino e ridurre le emissioni.

Particolarmente adatto a prendersi cura della vita marina, in quanto unico continente insulare al mondo, il pacchetto di investimenti sosterrà anche i parchi marini australiani, l’espansione delle aree protette indigene nel paese del mare e la protezione delle specie marine.

Gran parte del finanziamento andrà agli ecosistemi che coinvolgono le fanerogame marine e le mangrovie, che svolgono un ruolo chiave nell’estrarre il carbonio dall’atmosfera.

Australia, 113 kg di rifiuti raccolti sulle coste per ricordare la Giornata Mondiale degli Oceani

Il primo ministro Scott Morrison ha affermato che gli oceani australiani saranno fondamentali per il loro ruolo da protagonisti nel ridurre le emissioni del paese.

Il clima e gli oceani del pianeta sono indissolubilmente legati. Questo investimento è un importante contributo agli sforzi nazionali e internazionali per costruire oceani più sani e combattere il cambiamento climatico “, ha affermato Morrison.

 


Questo investimento aumenterà le fanerogame marine e le mangrovie che contribuiranno a ridurre le emissioni e significherà spiagge più pulite, una migliore protezione per tartarughe e uccelli marini e aiuto per le comunità costiere e indigene che dipendono dall’oceano per la loro mezzi di sussistenza. ”

Il governo ha anche recentemente promesso $ 59,9 milioni per sviluppare uno schema di compensazione del carbonio ad alta integrità nella sua regione indo-pacifica per stimolare gli investimenti in progetti di alta qualità che forniscono compensazioni di carbonio che soddisfano i requisiti dell’accordo di Parigi.

Australia, la Grande Barriera Corallina è in pericolo: nuovi segnali di sbiancamento

Il Fondo per la riduzione delle emissioni è uno dei sistemi di compensazione più grandi e solidi al mondo. Vediamo un’opportunità per lavorare con i nostri partner indo-pacifici e trasmettere il know-how e il successo di quel programma per ridurre le emissioni e creare posti di lavoro “, ha affermato Angus Taylor.

Gli investimenti si aggiungono agli oltre 1,1 miliardi di dollari che il governo Morrison ha annunciato questa settimana che investirà in tecnologie energetiche a basse emissioni come l’idrogeno e la cattura e lo stoccaggio del carbonio, oltre ai 18 miliardi di dollari di investimenti che il governo sta facendo insieme al Roadmap degli investimenti tecnologici nei prossimi 10 anni per guidare almeno 70 miliardi di dollari di nuovi investimenti totali in tecnologie a basse emissioni in Australia entro il 2030.

Articolo precedenteMicroplastiche, al via il campionamento primaverile sul litorale laziale
Articolo successivoVaccini, Figliuolo “Possibile estensione AstraZeneca agli under 60”