ClimaTerritorio

Australia, dopo il record di incendi si prepara ad un’estate ancora più calda

Condividi

L’Australia, già devastata da fiamme e siccità, continuerà a soffrire le temperature calde e secche anche in estate che nell’emisfero australe si svolge da dicembre a marzo.

Il caldo in primavera ha portato ad un anticipo della stagione degli incendi in Australia che da settembre ha causato innumerevoli morti e la distruzione di oltre 500 abitazioni. Ma il peggio deve ancora venire. Secondo l’ufficio meteorologico, il paese potrebbe andare incontro ad ulteriori ondate di calore e scarse piogge nell’area est.

“Abbiamo visto già significanti incendi durante la primavera e la prospettiva di condizioni più asciutte e calde terrà l’allerta attiva nei prossimi mesi”, ha spiegato Andrew Watkins dell’ufficio metereologico.

Temperature da record: caldo anomalo o conseguenza dei cambiamenti climatici?

Le previsioni non forniscono sollievo al già devastato settore agricolo. Il grano, una volta la produzione agricola di punta del paese, vedrà un calo nella produzione per il terzo anno consecutivo.

“Le temperature in tutto il paese saranno probabilmente più alte della media. Questa prospettiva porterebbe anche all’aumento delle ondate di calore”, ha detto Watkins. La rete elettrica australiana ha subito dei blackout nelle ultime due estati dovuto al blocco di una delle più antiche centrali a carbone causato dal caldo, mentre la richiesta per energia condizionata è aumentata.

Animali, più di mille koala morti a causa degli incendi in Australia

La primavera secca e la scarsa prospettiva di pioggia per l’estate nell’area est del paese sono dovute all’incontro tra le correnti di acque più calde della media stagionale nella parte africana dell’Oceano Indiano e quelle più fredde del solito della parte dell’Indonesia.

“Il colpevole delle nostre condizioni climatiche è uno delle oscillazioni di temperature più forti mai registrate nell’Oceano Indiano”, ha spiegato Watkins.

Australia, allarme incendi: dichiarato lo stato di emergenza catastrofico

Queste oscillazioni inoltre comportano un rinvio a metà estate della stagione dei monsoni nell’area tropicale a nord del paese. Nelle aree a ovest del paese c’è possibilità di piogge maggiori rispetto alla media stagionale.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago