Attualità

Australia, la devastante stagione degli incendi è giunta al termine

Condividi

La stagione degli incendi che da settembre ha colpito duramente l’Australia si è conclusa ma molti alberi sono ancora a rischio per via delle ondate di calore e delle scarse piogge.

Il 31 marzo si è finalmente conclusa la stagione degli incendi che ha devastato l’area sudorientale dell’Australia. Secondo Weatherzone, il principale fornitore di servizi metereologici in Australia, la distruzione causata dagli incendi è senza precedenti nella storia del paese.

Coronavirus, dall’Australia arriva il progetto DiTo: tecnologia al servizio della cooperazione in tempo di crisi

Solo nel New South Wales 5.5 milioni di ettari sono andati in fiamme, un’area che copre circa il 6% dello stato. Sempre nel NSW 2,448 case sono andate distrutte e 25 persone sono morte, tra cui tre volontari del NSW Rural Fire Service e tre pompieri americani. Nelle aree intorno alla capitale Canberra gli alberi stanno continuando a morire a causa delle scarse piogge e dell’ondate di calore che stanno mettendo a dura prova le foreste già danneggiate dalle fiamme. “Parliamo di alberi completamente maturi, che hanno oltre i 50 anni, e che ora sono più morti che vivi per mancanza di acqua e per lo stresso a cui vengono sottoposti” ha spiegato l’ortoculturista Scott Burns. 

Australia, 5000 koala morti negli incendi: ora la specie è a rischio estinzione

Con le recenti piogge giunte troppo in ritardo, le autorità hanno dato via ad un piano per salvare gli alberi ancora in vita. “Abbiamo identificato 6,000 alberi da strada su cui dobbiamo concentrarci con acqua e potatura” ha spiegato il Ministro Chris Steel. Al momento sono già 22.000 gli alberi che hanno bisogno di essere annaffiati a mano. Ma Burns sostiene che la decisione sia giunta troppo in ritardo: “Penso sia fantastico che abbiano preso questa iniziativa ma è deludente che questo avvenga solamente dopo l’evento”.

Australia, gli incendi hanno devastato il paese più di ogni previsione

Secondo una nuova ricerca dell’Australian National University c’è bisogno anche di pensare a quali specie piantare a causa dei cambiamenti climatici. “Circa il 28% dei nostri alberi non è adatto alle condizioni climatiche che sperimenteremo nei prossimi vent’anni” ha spiegato Burns.

(Visited 35 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago