Animali

Australia, costruito il più grande ospedale mobile per la fauna selvatica

Condividi

E’ stato da poco costruito il più grande ospedale mobile per fauna selvatica al quale il WWF Australia  ha contribuito con 250mila dollari. Dopo la drammatica stagione degli incendi ora è fondamentale prendersi cura della fauna selvatica.

Dopo la drammatica stagione degli incendi in Australia nasce un ospedale mobile, il più grande mai costruito, per  curare, riabilitare e prendersi cura degli animali colpiti da calamità.  Alla costruzione della struttura ha contribuito con 250.000 dollari,il WWF Australia, consentendo di acquistare importanti attrezzature e sostenere i costi operativi.

L’ospedale sarà gestita dal Byron Bay Wildlife Hospital. La struttura è completamente autosufficiente in quanto a energia (solare), comunicazioni satellitari, approvvigionamento idrico, stoccaggio dei rifiuti ed è anche dotato di attrezzature veterinarie all’avanguardia. Per molti animali feriti il trattamento immediato che riceveranno da questa struttura farà veramente la differenza,

Australia, governo sotto accusa: non sta facendo abbastanza per proteggere i koala

“Dopo i catastrofici incendi della scorsa estate ci siamo resi conto che si trattava di una necessità davvero impellente. Vedere decine e centinaia di koala feriti accuditi in scatole di cartone o nei cesti della biancheria, in attesa di cure, mi ha fatto capire che dovevamo cambiare tutto. –  afferma il fondatore e CEO del Byron Bay Wildlife Hospital, il dottor Stephen Van Mil Grazie ai finanziamenti del WWF siamo stati in grado di acquistare macchinari all’avanguardia per radiografie, ecografie, anestesia,  endoscopie,  attrezzature per terapia intensiva e un kit di test rapidi per controllare nei koala la presenza della clamidia“.

Australia, gli incendi sono inequivocabilmente legati ai cambiamenti climatici

Circa 60.000 koala sono stati colpiti dalle fiamme che hanno devastato l’Australia orientale da giugno 2019 a febbraio 2020: ne restano solo 35.000, all’inizio del secolo scorso se ne contavano centinaia di migliaia. Il triste bilancio arriva dal Wwf per cui “un mondo senza koala non è immaginabile” che per questo insieme al piano di rinascita “Regenerate Australia” rilancia il progetto “Koalas Forever” con l’obiettivo di raddoppiare il numero di koala sulla costa orientale dell’Australia entro il 2050.

Secondo il report del Wwf “Impacts of the unprecedented 2019-2020 bushfires on Australian animals” si stima una riduzione del 72% nel numero degli esemplari in sei aree della costa settentrionale dell’Australia. Le peggiori perdite di koala si sono registrate a Kangaroo Island, con 40.000 individui potenzialmente colpiti e nelle foreste di Victoria, dove vivevano 11.000 di questi preziosi marsupiali. Altre popolazioni di koala sono state messe in ginocchio dal fuoco nel New South Wales, dove circa 8.000 koala sono rimasti coinvolti negli incendi, quindi uccisi o feriti.

(Visited 50 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago