AttualitàScienza e Tecnologia

Australia, scoperto un corallo gigante: largo 10 metri e alto 5, ha almeno 400 anni

Condividi

Un corallo gigante, che ha almeno quattro secoli di vita, è stato scoperto in Australia. Fa parte del genere Porites ed ha un diametro massimo di oltre 10 metri ed un’altezza di cinque.

La Grande barriera corallina non smette di sorprendere. In Australia, infatti, è stato scoperto un corallo gigante: ha una forma simile ad una cupola, un diametro massimo di 10,4 metri e un’altezza di oltre cinque. Ha almeno quattro secoli di vita, durante i quali ha resistito di fronte a ogni genere di minaccia, dai cicloni all’invasione di specie aliene, dall’attività umana fino al cambiamento climatico. Lo riporta anche Phys.

Creme solari al bando: “Danneggiano la barriera corallina”. Tutte le alternative

Il corallo, appartenente al genere Porites, è stato scoperto al largo dell’Isola di Orfeo da un gruppo di sommozzatori, impegnati in un progetto di ricerca partecipata dai cittadini (citizen science). Chi lo ha scoperto lo ha ribattezzato Muga dhambi, che significa ‘grande corallo’. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Scientific Reports e potrebbe permettere di migliorare la conoscenza e le strategie di salvaguardia dei coralli, che sono indispensabili per la biodiversità marina.

Grande Barriera Corallina, gli ambientalisti australiani scrivono all’Unesco: “Inserirla subito nel patrimonio in pericolo”

Con le sue dimensioni, il corallo recentemente scoperto è il più largo (ed il sesto più alto) di tutta la Grande barriera corallina. Secondo le analisi dei ricercatori, si sarebbe formato tra 421 e 438 anni fa, ancora prima dell’arrivo dei primi esploratori europei in Australia. Gli scienziati assicurano che Muga dhambi gode di ottima salute, non presentando segni di sbiancamento o malattie ed essendo ancora popolato al 70% da coralli vivi (concentrati soprattutto lungo i fianchi della colonia). In cima alla ‘cupola’, invece, si concentrano altri organismi marini, come la spugna Cliona virdis e le alghe verdi.

(Visited 57 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago