AnimaliAttualità

Australia, carote gettate dagli aerei per gli animali intrappolati dalle fiamme VIDEO

Condividi

E’ iniziata l’ Operation Rock Wallaby che prevede il lancio di carote e verdure dagli aerei per fornire cibo agli animali intrappolati dalle fiamme in Australia.

Il governo del New South Wales in Australia ha iniziato l’operazione chiamata “Operation Rock Wallaby”. Lo scopo della missione è quello di utilizzare aerei per lanciare migliaia di kilogrammi di carote e patate dolci nelle aree che non possono essere raggiunte dai soccorsi e fornire cibo agli animali affamati e intrappolati nel mezzo degli incendi. In particolare il governo spera di aiutare le colonie di wallaby delle rocce presenti nei parchi regionali. Una settimana fa il New South Wales National Parks and Wildlife Service ha iniziato la sua missione nell’impresa di far arrivare il cibo nelle valli Capertree e Wolgan, nel Yengo National Park, nella valle Kangeroo e nei parchi nazionali Jenolan, Oxley Wild Rivers e Currancubundi.

Incendi Australia, DiCaprio dona 3 milioni di dollari con la sua associazione

Dall’inizio dell’operazione sono stati lanciati più di 2,200 kg di verdura fresca per gli animali. Matt Kean, Ministro dell’ambiente nel NSW, ha spiegato che nonostante alcuni animali siano riusciti a sopravvivere alle fiamme, i loro habitat sono stati devastati e sono rimasti senza cibo. I wallabies erano già sotto stress a causa della continua siccità che ha reso difficile la sopravvivenza di questi animali senza alcuna assistenza. “I wallabies solitamente sopravvivono alle fiamme ma sono rimasti senza risorse dal momento che le fiamme hanno colpito la vegetazione intorno al loro habitat roccioso” ha spiegato il ministro che ha aggiunto che le autorità continueranno a sorvegliare la specie per monitorare i propri progressi come parte di un processo di recupero della fauna a seguito degli incendi “quando possiamo installiamo delle telecamere per monitorare il cibo e la varietà di animali che si nutre”.

Australia, fuga dall’inferno. Wwf: “La portata della devastazione è enorme”

L’iniziativa è giunta dopo che il WWF ha stimato che circa 1.25 miliardi di animali siano morti direttamente o indirettamente a causa delle fiamme. In un annuncio il CEO di WWF Australia Dermot O’Gorman ha scritto “Questa perdita straziante include migliaia di preziosi koala nella costa nord del NSW insieme ad altri animali iconici come il canguro, il wallaby, il potoroo dal naso lungo e il cacatua“.

Australia, il governo stanzia due miliardi di dollari per la ricostruzione

Il wallaby delle rocce era già considerato a “rischio” prima degli incendi a causa della distruzione del suo habitat. Intanto, Animals Australia sta utilizzando degli aerei per trasportare scorte di cibo per gli animali che sono rimasti feriti negli incendi in Victoria. Animal Australia sta utilizzando le donazioni pubbliche per affittare piccoli aerei che sono stati riempiti con pacchi di grano e pellets da fornire alla fauna nella regione attraverso “Vets for Compassion”. La portavoce dell’organizzazione di beneficienza Lyn White ha spiegato che l’organizzazione sta cercando di assicurarsi che la fauna sopravvissuta non muoia a causa della mancanza di cibo: “Con le strade chiuse per settimane, il rischio di che la fauna possa morire di fame è veramente reale. Sarebbe tragico se ci fossero ulteriori perdite di vite perché gli animali non sono in grado di raggiungere il cibo”.

(Visited 36 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago