Cronaca

Attivisti contro l’industria delle pellicce: “La sofferenza non è elegante”

Condividi

Settanta attivisti si sono spogliati e coperti di sangue finto in una delle piazze principali di Barcellona per protestare al grido di “la sofferenza non è elegante” contro le industrie che lavorano le pellicce animali.

La protesta organizzata da circa settanta attivisti dell’organizzazione Anima Naturalis è avvenuta nel centro di Barcellona, in Piazza Catalunya, e le immagini hanno fatto subito il giro del web.

Obiettivo della protesta è stato quello di rendere le persone consapevoli che “milioni di animali vengono maltrattati e uccisi ogni anno dall’industria delle pellicce” e hanno chiesto alle autorità spagnole di porre fine a questa pratica.

Animali, la California dice stop a pellicce e spettacoli nei circhi

L’allevamento di animali da pelliccia è stato vietato in una serie di paesi europei tra cui il Regno Unito e la Germania ma rimane legale in Spagna.

Circo, niente più animali nel Regno Unito. E in Italia?

Gli attivisti si sono gettati a terra nudi e coperti di sangue come metafora per mostrare come sono gli animali dopo che gli hanno rimosso la pelliccia. “La sofferenza non è elegante”, “quante vite per un cappotto?”, questi tra gli slogan.

Animali, Prada dice addio alle pellicce. Stop dalle collezioni Primavera/Estate 2020

Secondo un portavoce di Anima Naturalis, gli animali che vengono colpiti maggiormente dal commercio di pelliccia sono le volpi, i visoni, i furetti, le foche, le lontre, le mucche e i cincillà.

Anima Naturalis ha detto che anche i cani e i gatti sono vittime di questa industria in Cina. Secondo il gruppo circa 32 milioni di animali vengono uccisi in Europa ogni anno per la loro pelliccia. Il primo paese a vietare l’allevamento per le pellicce in Europa è stato il Regno Unito nel 2000 e l’Austria nel 2004.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago