AttualitàInquinamento

AtmosFUEL, il progetto che trasforma la CO2 in carburante per aviazione sostenibile

Condividi

Creare carburante per aviazione sostenibile (SAF) utilizzando l’anidride carbonica atmosferica (CO2). È il progetto ideato dalla LanzaTech UK e dalla Società di tecnologia di cattura diretta dell’aria Carbon Engineering, che ha come obiettivo quello di studiare la fattibilità di un impianto commerciale aria-getto su larga scala nel Regno Unito che produrrà più di 100 milioni di litri di SAF ogni giorno.

L’impianto, dovrà essere operativo entro la fine di questo decennio e dimostrerà come questa tipologia di infrastruttura potrà essere implementata in tutto il Regno Unito o nel resto del Mondo per ridurre le emissioni dell’aviazione.

Il progetto, denominato AtmosFUEL, è uno degli otto progetti selezionati per il concorso Green Fuels Green Skies del Dipartimento dei trasporti del Regno Unito che ha stanziato 15 milioni di sterline (US 21 milioni di dollari) in finanziamenti governativi per supportare lo sviluppo degli impianti.

Alla realizzazione del progetto parteciperanno LanzaTech, CE, British Airways e Virgin Atlantic.

CO2, l’allarme dell’Iea: “Nel 2023 le emissioni raggiungeranno il record di sempre”

Il team esaminerà come integrare due tecnologie comprovate per riciclare la CO2 atmosferica in carburante per aerei a bassissimo tenore di carbonio.

La tecnologia DAC (Direct Air Capture) di CE sarà impiegata per catturare la CO2 direttamente dall’atmosfera in modo che possa essere immessa nel processo di fermentazione del gas di LanzaTech per produrre etanolo a basso tenore di carbonio.

L’etanolo verrà poi convertito in SAF attraverso la tecnologia LanzaJet Alcohol-To-Jet, sviluppata da LanzaTech e dal Pacific Northwest National Laboratory.

Il carburante prodotto sarà certificato dalla Roundtable on Sustainable Materials, una multi-stakeholder riconosciuta a livello mondiale come l’approccio più solido alla sostenibilità per l‘economia bio-based e circolare.

Il SAF prodotto, grazie al riciclo di CO2 atmosferica esistente, offrirà una riduzione di oltre il 90% delle emissioni di gas serra rispetto al carburante fossile convenzionale.

La CO2 atmosferica, una materia prima illimitata, permetterà a questa tecnologia di essere ampliata per fornire quantità su larga scala di SAF e aiutare a soddisfare le proposte SAF del 10% del Regno Unito entro il 2030 e fino al 75% SAF entro il 2050.

La Commissione Ue svela il pacchetto Clima, -55% CO2 entro il 2030

Secondo i partner, le tecnologie che abilitano il progetto AtmosFUEL sono soluzioni climatiche comprovate che vengono implementate a livello globale.

CE sta infatti lavorando con PointFive, che nel 2022 prevede di iniziare la costruzione negli Stati Uniti del più grande impianto DAC del mondo in grado di catturare un milione di tonnellate di CO2 ogni anno.

Nel Regno Unito invece, grazie alla collaborazione con Storegga, è iniziata la progettazione di un impianto che rimuoverà tra 500.000 e un milione di tonnellate di CO2 atmosferica ogni anno.

LanzaTech, ha già realizzato un impianto commerciale di fermentazione del gas che ha prodotto più di 20 milioni di galloni di etanolo.

La società ha collaborato anche con il governo del Regno Unito e diversi partner industriali per costruire la prima produzione al mondo su scala commerciale a base di etanolo di scarto. struttura nel Galles meridionale.

(Visited 30 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago