AttualitàRiciclo e Riuso

Accordo Cartiere Saci-Contarina: dagli assorbenti alla carta con la tecnologia Fatersmart

Condividi

Assorbenti. Dai PAP (Prodotti Assorbenti per la Persona usati) alla carta, un ulteriore passo in avanti per chiudere il cerchio dell’economia circolare: per la prima volta dalla cellulosa, proveniente dall’attività di riciclo dai PAP, sarà possibile ottenere carta di elevata qualità e suoi derivati.

Il processo diventa realtà grazie all’accordo tra Contarina Spa, realtà all’avanguardia a livello nazionale ed europeo nella gestione dei rifiuti, e Cartiere Saci, leader europeo nella produzione di carta da imballaggio a partire da materia prima 100% riciclata.

La cellulosa, proveniente dal riciclo dei prodotti assorbenti per la persona usati, opportunamente miscelata ad altri maceri selezionati, permetterà di ottenere circa 600 tonnellate di carta.

Da 1 tonnellata di rifiuti raccolti in maniera differenziata infatti è possibile ricavare fino a 160kg di cellulosa, 80kg di plastica e 80kg di polimero super assorbente, da impiegare nei principali processi di lavorazione per dar vita a nuovi prodotti, come grucce, giocattoli o tavoli di plastica, carte di elevata qualità, prodotti tessili, fertilizzanti.

Riscarti 2020, a Roma torna il festival internazionale di riciclo creativo VIDEO

Il processo di riciclo prevede quattro fasi: i pannolini e i prodotti assorbenti per la persona usati vengono raccolti dagli utenti, stoccati, trattati in autoclave, dove la forza del vapore a pressione permette di aprire e sterilizzare i prodotti usati, eliminando completamente i cattivi odori e infine separati delle frazioni riciclabili per via meccanica.

Il primo impianto, ubicato in Veneto presso il polo logistico di Contarina S.p.a. (Lovadina di Spresiano, Treviso), è in grado di gestire fino a 10.000 tonnellate/anno di prodotti usati.

“Siamo lieti di vedere che la cellulosa ricavata dal riciclo dei prodotti assorbenti possa avere, finalmente, un sbocco produttivo ed essere utilizzata come materia prima seconda. E’ l’esempio concreto di come i rifiuti non sono solamente scarti, ma – se valorizzati adeguatamente – possono avere una nuova vita, creando economie positive per il nostro territorio” – ha commentato il Direttore Generale di Contarina spa Michele Rasera.

“Siamo molto soddisfatti della collaborazione con FaterSMART e Contarina spa che si è conclusa con la firma dell’accordo per il riutilizzo della cellulosa di recupero proveniente dai pannolini usati per la produzione di carta riciclata. Il raggiungimento di questo risultato, ottenuto grazie alla nostra tecnologia, è frutto di una progettualità ed un intenso lavoro nel rispetto delle norme ambientali. Siamo orgogliosi di aver contribuito con i nostri Partners a dare nuova vita a questa ‘Materia Prima Seconda’ realizzando così il sogno di ‘Economia Circolare’, con i vantaggi che ne derivano per la salvaguardia del nostro ambiente” – ha commentato il Direttore Generale di Cartiere Saci spa, Giovanni Scalia.

Oli usati, il CONOU si conferma eccellenza dell’economia circolare

Giovanni Teodorani Fabbri, General Manager della FaterSMART, ha dichiarato: “Siamo entusiasti dell’accordo siglato dal nostro partner Contarina Spa con cartiere Saci per l’acquisto della cellulosa derivante dal riciclo dei prodotti assobenti per la persona usati, che rappresenta un esempio concreto di come questa tipologia di rifiuti possa essere valorizzata e di come sia possibile coniugare salvaguardia dell’ambiente e crescita economica”.

“Grazie alla tecnologia unica al mondo sviluppata da FaterSMART – ha aggiunto Teodorani Fabbri – possiamo recuperare infatti il 100% delle materie prime seconde provenienti dai prodotti assorbenti per la persona usati, dunque cellulosa ma anche alla plastica e al polimero super assorbente che possono essere utilizzati in nuovi processi produttivi. Ci auguriamo pertanto che l’accordo firmato da Contarina e Cartiere Saci, apra la strada a nuove future collaborazioni che possano continuare a produrre vantaggi per l’ambiente e la collettività”.

 

(Visited 74 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago