AttualitàInquinamento

L’AS Roma punta sulla mobilità sostenibile, siglato accordo con Hyundai ed Edison

Condividi

L’AS Roma punta sulla mobilità sostenibile. Hyundai e Edison uniscono le forze per rendere gli spostamenti dell’AS Roma sempre più sostenibili e rispettosi dell’ambiente. 

Grazie alla sinergia tra Hyundai, Main Global Partner dell’AS Roma, e Edison da oggi giocatori, membri dello staff e personale del centro sportivo giallorosso potranno ricaricare le batterie delle proprie auto in tutta comodità.

Mobilità, Raggi: “Mercedes fornirà 100 autobus ibridi ad Atac”

Edison, Official Energy Partner dei giallorossi, ha infatti dotato il centro sportivo di colonnine che permettono di ricaricare le vetture sia in corrente alternata fino a 7,4 kW – per il personale presente tutto il giorno presso il centro sportivo – sia in corrente continua fino a 25 kW per chi ha necessità di ricariche più veloci. In questo modo le KONA Electric in dotazione alla Roma fornite da Hyundai potranno essere ricaricate senza sforzi all’interno del centro sportivo.

L’iniziativa si inserisce nel contesto di un’ampia sensibilità della AS Roma e dei suoi due partner verso tematiche di sostenibilità e salvaguardia dell’ambiente, aspetti al centro della quotidianità dei protagonisti del progetto.

(Visited 63 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago