Asinara, un sentiero subacqueo per valorizzare gli ambienti marini

In Sardegna un fine settimana dedicato all’ambiente. Nel Parco Nazionale dell’Asinara sarà inaugurato un sentiero subacqueo, fruibile anche dai cittadini disabili.

A Porto Torres, in Sardegna, l’ultimo fine settimana di maggio sarà dedicato all’ambiente. Due giorni di eventi sulla disseminazione dei risultati raccolti nell’ambito del progetto NEPTUNE.

E così domani 27 maggio, nella sede del Parco Nazionale dell’Asinara, saranno presentate le attività condotte dal CNR-IBE sulla mappatura dei servizi ecosistemici sommersi.

L’appuntamento proseguirà sabato 28 maggio con l’inaugurazione del sentiero subacqueo di Cala La Reale, sull’Isola dell’Asinara. L’itinerario avrà finalità naturalistiche e storiche. Già, perché si potrà viaggiare idealmente in epoche lontane attraverso la presenza di un carico di anfore romane.

Il sentiero subacqueo dell’Isola dell’Asinara sarà oltretutto un progetto di inclusione sociale. Sì, perché l’itinerario potrà essere fruito da cittadini con disabilità motorie e visive. Proprio per questo l’iniziativa naturalistica ha l’obiettivo di ampliare l’offerta dei servizi delle aree protette, così da migliorarne le condizioni di accessibilità.

Il Parco Nazionale dell’Asinara è il regno delle tartarughe marine. Proprio per questo l’inaugurazione della giornata sul lembo di terra nel Nord-Ovest della Sardegna comincerà con la liberazione di un esemplare nella spiaggia dello Spalmatore.

L’iniziativa sarà curata dal Centro di Recupero degli Animali Marini dell’Asinara (CRAMA).

Che cosa è il progetto NEPTUNE?

NEPTUNE è un progetto co­finanziato dal “Programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2014-2020”.

L’obiettivo è quello di attuare una strategia per la gestione sostenibile di percorsi sommersi, così da valorizzare la salvaguardia degli abissi.

Articolo precedenteSardegna, a Capo Caccia ci si sposterà soltanto con i mezzi elettrici
Articolo successivoRifiuti, gli elefanti asiatici hanno iniziato a mangiare plastica nelle discariche