Roma

ROMA, AL VIA L’AVVISO PUBBLICO PER ARTISTI FIGURATIVI DI STRADA. C’E’ TEMPO FINO AL 25 SETTEMBRE

Condividi

Pubblicato dal Dipartimento attività culturali di Roma Capitale sul sito di Roma Capitale (https://www.comune.roma.it/web/it/bando-concorso.page?contentId=BEC165072l’avviso pubblico “per la selezione di soggetti idonei allo svolgimento di attività nel campo delle arti figurative su area pubblica nel territorio di Roma Capitale”. 

Tra i requisiti necessari per partecipare al bando per gli artisti figurativi è richiesto il conseguimento della maggiore età, la cittadinanza italiana o comunitaria o il permesso o carta di soggiorno.

Alla domanda di partecipazione bisognerà allegare il curriculum dell’artista, copia di titoli accademici inerenti l’attività artistica e la documentazione relativa all’anzianità dell’attività artistica su area pubblica.

C’è tempo fino alle ore 12.00 del 25 settembre 2018 per consegnare la domanda. Prevista una prova pratica che prevedrà l’esecuzione di un’opera conforme all’attività artistica figurativa indicata dal soggetto al momento della presentazione della domanda di partecipazione.

La concessione degli spazi sarà a cura dei Municipi e sarà compresa nel periodo dal 1° febbraio 2019 al 31 gennaio 2024.

 

In totale sono state individuate – con delibera n.98 del 29 maggio 2018 – 65 aree nei Municipi (piazze, strade, etc..) per 204 localizzazioni (porzioni di aree entro le quali sarà consentito lo svolgimento dell’attività dell’artista) che verranno assegnate agli artisti attraverso questo bando.

Per esempio nel Municipio I il Ponte della Musica vede 4 localizzazioni, mentre Piazza Navona 25; nel Municipio V in via Dameta 6 localizzazioni; nel VII in Largo Appio Claudio 10 localizzazioni; nel IX in viale America (ovest) 8 localizzazioni; nel XIV in via Federico Borromeo 6.

(Visited 278 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago