AttualitàEconomiaPolitica

Artico, l’Ue chiede una moratoria per lo stop all’estrazione degli idrocarburi

Condividi

Artico, l’Unione europea chiede una moratoria per lo stop all’estrazione degli idrocarburi. L’annuncio è arrivato da Virginijus Sinkevicius, commissario Ue per l’Ambiente.

L’Unione europea pronta a chiedere una moratoria internazionale per lo stop all’estrazione degli idrocarburi. L’annuncio è arrivato dal commissario Ue per l’Ambiente, Virginijus Sinkevicius: “Vogliamo che il petrolio e il gas rimangano nel terreno affinché l’Artico resti pacifico, sostenibile e prospero“. L’obiettivo finale è quello di limitare il surriscaldamento della regione.

 

L’Artico si sta riscaldando tre volte più velocemente rispetto al resto del pianeta. Lo scioglimento del ghiaccio e del permafrost accelerano ulteriormente il cambiamento climatico e hanno enormi effetti a catena, non si può attendere ulteriormente” – ha spiegato Sinkevicius – “L’Ue è impegnata a rendere l’Artico sicuro, stabile, sostenibile e prospero. Sicuro e stabile, attraverso una cooperazione internazionale rafforzata; sostenibile e prospero, garantendo un forte legame tra l’impegno dell’Unione per l’Artico e la nostra politica climatica, il Green Deal europeo e la sua dimensione di economia blu“.

 

L’Unione europea ha anche annunciato l’apertura di un ufficio della Commissione europea in Groenlandia con lo scopo di incrementare la presenza Ue nella regione e per reindirizzare i fondi del Recovery a progetti destinati a guidare la transizione verde nell’Artico e a migliorare la condizione delle popolazioni artiche. Aumentare la presenza nella regione servirà anche a fare fronte alla crescente concorrenza geopolitica delle potenze limitrofe come la Russia o a quelle interessate a nuove rotte commerciali come la Cina.

(Visited 21 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago