Inquinamento

ll nostro bucato sta inquinando l’Artico! Le fibre sintetiche hanno raggiunto ogni angolo della Terra

Condividi

Le fibre sintetiche stanno invadendo persino l’Artico e rischiano di diventare il cibo della fauna marina. L’allarmante studio dell’Ocean Wise Conservation Association.

Secondo uno studio condotto dalla Ocean Wise Conservation Association, l’Artico sta subendo un’invasione di fibre sintetiche e di microplastiche che derivano dai comuni lavaggi di capi d’abbigliamento della popolazione europea e di quella nord-americana.

La ricerca ha dimostrato la presenza di microplastiche in 96 campioni su 97 e più del 70% è rappresentato da fibre colorate di poliestere utilizzate nei vestiti. I campioni sono stati raccolti ad una profondità tra i 3 e gli 8 metri, cioè la fascia in cui gran parte della fauna marina si nutre.

Inquinamento, ogni lavaggio di un paio di jeans rilascia oltre 50mila microfibre nell’acqua

Per comprendere la portata di questa nuova ondata di inquinamento, un recente calcolo ha stabilito che almeno 3,500 tonnellate di microfibre vengano rilasciate ogni anno negli oceani dai lavaggi di indumenti di Stati Uniti e Canada.

Una recente indagine per controllare lo stato di inquinamento del pianeta mostra la presenza di plastica nei punti più estremi della Terra, nelle profondità della fossa delle Marianne e sulle cime dell’Everest.

Questo processo sta danneggiando la fauna selvatica e non solo. Anche noi stiamo assumendo microplastiche attraverso l’aria, i cibi o semplicemente l’acqua, considerando il notevole flusso di fibre provenienti dalle acque dell’oceano Atlantico che sono il numero maggiore.

Plastica, milioni di microfibre finiscono negli oceani ogni volta che facciamo la lavatrice

Peter Ross, che ha guidato la ricerca nell’Artico ha affermato che “lo strato di acqua in cui sono stati prelevati i campioni costituisce un’area biologicamente importante dove si trovano fitoplancton, zooplancton, piccoli pesci, grandi pesci, uccelli marini e mammiferi marini in cerca di cibo”.

È noto che animali di grandi dimensioni come tartarughe marine, balene, foche vengono uccisi dalla plastica, e non c’è motivo di pensare che per i più piccoli sia diverso” ha aggiunto Ross.

Microfibre dei tessuti, grave problema per gli oceani come la plastica

La soluzione proposta non è di impedire o ridurre la produzione di vestiti ma di pensare a nuovi tessuti che rispettino l’ambiente, perché questo non è ciò che vogliamo vedere negli oceani del mondo.

Di Francesco De Simoni

(Visited 23 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago