AttualitàClima

C’è un enorme buco tra i ghiacci dell’Artico (ed è una pessima notizia)

Condividi

Artico, l’allarme dal monitoraggio dei ghiacci: c’è un enorme buco, grande tre volte la città di Roma, che si è venuto a creare, con l’acqua che non riesce a tornare allo stato solido. Una pessima notizia per il clima.

Un buco grande tre volte il territorio del Comune di Roma si è venuto a creare nell’Artico. Nel Nord dell’isola di Ellesmere, la più settentrionale del Canada e posta nella cosiddetta ‘last ice area‘, il monitoraggio satellitare ha permesso di accertare una spaccatura di oltre 3000 chilometri quadrati. La frattura, chiamata polinia dagli scienziati, si è originata in un punto in cui il ghiaccio ha uno spessore di oltre cinque metri ma, contrariamente a quanto sarebbe lecito aspettarsi, non è più ritornata allo stato solido.

 

In condizioni normali, è facile che vengano a crearsi le polinie, specialmente in estate: si tratta di un fenomeno essenziale per l’ecosistema, poiché l’acqua è fondamentale per tutti gli animali presenti. Le polinie, però, sono generalmente fenomeni temporanei e tipici delle aree in cui la calotta è sottile, ma nel caso dell’isola di Ellesmere il ‘buco’ è rimasto tale. “A Nord dell’isola di Ellesmere il ghiaccio è spesso e presente in grande quantità, dovrebbe essere difficile che si sciolga“, ha spiegato Kent Moore, ricercatore dell’Università di Toronto-Missisauga e principale autore dello studio sulla polinia in questione. Il condizionale, però, è d’obbligo, alla luce di quanto sta accadendo.

Artico, a causa dello scioglimento dei ghiacci gli orsi polari lottano per sopravvivere

I ricercatori canadesi, autori dello studio pubblicato su Geophysical Research Letters, avvertono: “Più il ghiaccio si assottiglia, più il fenomeno delle polinie è destinato a intensificarsi“. L’ipotesi è che la polinia scoperta nella ‘last ice area’ si sia formata a causa delle elevate temperature raggiunte la scorsa estate a entrambi i poli, con la prima pioggia mai registrata sulla vetta più alta della Groenlandia e la misteriosa scomparsa di un lago in Antartide. In particolare, la formazione della polinia sarebbe dovuta alle condizioni del vento o ad una tempesta ad alta pressione che ha riscaldato l’aria attorno al ghiacciaio. Ci sono pochi dubbi: la polinia sull’isola di Ellesmere è un altro segnale inequivocabile dei rapidi cambiamenti climatici, che nell’Artico si manifestano con una notevole intensità.

Clima, in Groenlandia piove sulla calotta glaciale per la prima volta nella storia

Il monitoraggio satellitare della Nasa ha anche permesso di accertare che, nella stessa area, due polinie si erano formate (nel 1988 e nel 2004) senza che nessuno se ne accorgesse. L’ultimo ‘buco’ scoperto nell’Artico, tuttavia, desta inevitabilmente molta preoccupazione: fino a poco tempo fa si riteneva che questa regione fosse molto resiliente rispetto alla crisi climatica, e invece le ultime scoperte dimostrano una clamorosa fragilità. E con le temperature sempre più elevate, questi fenomeni sono destinati ad essere sempre più frequenti e irreversibili.

(Visited 26 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago