Animali

Artico, a rischio l’ultimo baluardo di ghiacci: “Potrebbe essere più vulnerabile di quanto immaginato”

Condividi

Lo stretto di Nares, considerato l’ultimo baluardo dei ghiacciai artici, appare instabile ed in pericolo di scioglimento. A rilevarlo sono i dati del satellite Sentinel 1 del programma europeo Copernicus, che mostrano come la stabilità dei ghiacci nell’area sia diminuita negli ultimi 20 anni. 

Grazie ai dati raccolti dal satellite gestito dalla Agenzia Spaziale Europea (Esa) e dalla Commissione Europea, gli studiosi hanno esaminato la stabilità di particolari strutture chiamate “archi di ghiaccio” che si formano stagionalmente all’estremità settentrionale e meridionale dello stretto di Nares. Pubblicata sulla rivista scientifica londinese Nature Communications, la scoperta si deve ai ricercatori coordinati dal fisico Kent Moore, dell’università canadese di Toronto.

Cambiamento climatico, il 2020 l’anno più caldo mai registrato al mondo

Queste strutture danno vita ad una barriera naturale che impedisce al ghiaccio marino di uscire dall’Oceano Artico e andare alla deriva verso sud.

Tipicamente gli archi si rompono a fine primavera, per poi riformarsi in inverno ma secondo le recenti osservazioni dei ricercatori, coadiuvati dal Professor Moore, negli ultimi 20 anni essi sono diventati più sottili e ogni anno si rompono circa una settimana prima rispetto alla primavera precedente, venendo meno alla loro indispensabile funzione di barriera.

Artico, nel 2020 seconda estensione minima: ghiaccio sono 4 mln km²

Ciò potrebbe destabilizzare la zona più a nord, definita Last Ice Area, usata come rifugio per le specie dipendenti dal ghiaccio, come orsi polari e alghe ghiacciate.

“Questo ghiaccio molto antico ci preoccupa – rileva il fisico Moore – Lo stretto di Nares è la più antica e più spessa distesa di ghiaccio della regione artica e fino a oggi è riuscita a sopravvivere anche alle estati più calde mai registrate, ma la ricerca suggerisce che potrebbe essere più vulnerabile di quanto immaginato”.

Di Sara Fracassi

(Visited 36 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago